Animazione di Come funziona la Fotocamera di un Cellulare

animazione camera
La Nokia ha lanciato quest'anno una nuova serie dei suoi cellulari Lumia, e per l'occasione, ha creato alcuni bei filmati introduttivi, molto ben animati, su come diversi dei suoi componenti funzionano. Uno degli aspetti salienti è la fotocamera con un sensore da 41 megapixel. Il sensore è messo in risalto dalla tecnologia PureView.
Continua a leggere...


Sismi su Marte hanno Scosso la Valles Marineris

Interno della Valles Marineris, ripreso dalla sonda Mars Express, dell'ESA. Credit: DLR/ESA
Interno della Valles Marineris, ripreso dalla sonda Mars Express, dell'ESA. Credit: DLR/ESA

Marte ha una geologia molto affascinante ma ormai quasi per niente attiva. Ma non è sempre stato così! Un tempo il pianeta veniva scosso da potenti sismi ed era ricoperto da enormi vulcani. Una nuova mappa presentata di recente dalla U.S. Geological Survey, mostra chiaramente i segni di quell'era di scosse ancora visibili nei depositi sul fondo della Candor Chasma, parte della Valles Marineris, il più grande e spettacolare canyon del Sistema Solare.
Continua a leggere...


Piogge di Meteore anche su Mercurio?

Illustrazione artistica della zona in cui Mercurio potrebbe incontrare i detriti del passaggio della Cometa Encke. Credit: NASA
Illustrazione artistica della zona in cui Mercurio potrebbe incontrare i detriti del passaggio della Cometa Encke. Credit: NASA

La sonda MESSENGER, in orbita intorno a Mercurio dal 2011, continua a regalarci grandi sorprese! Una delle più recenti scoperte riguarda una possibile pioggia di meteore sulla superficie del pianeta, forse provenienti dalla scia di detriti della Cometa Encke. La notizia arriva proprio mentre sulla Terra ci godiamo il picco delle Geminidi. Su Mercurio però, non c'è alcuna atmosfera in cui i frammenti possono bruciare, e quindi anche se piccolissimi colpiscono direttamente la superficie. E sono questi impatti che hanno fatto scoprire il fenomeno al team di scienziati.
Continua a leggere...


Yutu e Chang'e-3 Compiono 1 Anno Sulla Luna!

Rover Yutu sulla superficie lunare. Credit: CNSA/CTV
Rover Yutu sulla superficie lunare. Credit: CNSA/CTV

La Cina celebra oggi l'anniversario dell'atterraggio della sua prima ambiziosa missione sulla superficie lunare: Chang'e-3 con il rover Yutu. Tra il 14 e 15 Dicembre 2013, il lander Chang'e-3 è diventato il primo a scendere sulla superficie della Luna dai tempi della missione sovietica Luna-24 nel lontano 1976. La missione è stata estremamente ambiziosa, non solo perché si trattava del primo tentativo simile della Cina, ma perché molte tecnologie impiegate erano alla loro prima volta per una missione spaziale. Uno dei sistemi innovativi usati riguardava la discesa completamente automatizzata e guidata dall'IA a bordo che ha deciso in tempo reale dove muovere la navicella per il miglior atterraggio. Il rover Yutu è riuscito a muoversi sulla superficie per diversi giorni, facendo analisi delle rocce e scattando diverse immagini, ma ha avuto problemi riguardo ad una delle ruote, ed è fermo da circa Febbraio 2014. Nonostante questo però, il rover ha continuato a funzionare come secondo lander, ed è stato usato principalmente per studiare il modo in cui reagisce alle condizioni lunari l'elettronica a bordo, per migliorare in futuro le prossime sonde.
Continua a leggere...


Rosetta: Una Foto a Colori Reali della Cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko

Colori 67P Churyumov Gerasimenko Cometa
Il team scientifico della camera OSIRIS a bordo della sonda Rosetta, ha rilasciato recentemente la prima vista a colori della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, così come la potremmo vedere noi ad occhio nudo. La foto è quella che vedete sopra! Non c'è un inganno, semplicemente di suo la cometa è estremamente scura e grigia. Gli unici colori presenti (ma molto molto difficilmente visibili) sono nella regione del rosso dello spettro ottico. La foto monta insieme tre immagini scattate con filtri diversi alle lunghezze d'onda incentrate sul rosso (744 nm), il verde (536 nm) e il blu (481 nm). Per riuscire a vedere qualche colore, bisogna modificare la foto ed esagerare tanto il livello dei colori.
Continua a leggere...


Trailer da Brividi Per Mad Max: Fury Road [2015]

Fury Road Mad Max Trailer
Mad Max è un classico di fantascienza con uno stile tra i più unici e più curati. La trama ci porta in un modo distopico dopo la società non esiste più come la conosciamo e le strade sono dominate da bande di guerriglieri psicopatici. Il primo film, nato dalla mante di Goerge Miller, costò molto poco e all'inizio veniva considerato come fantascienza di seconda serie. Ma trovo un consenso enorme in tutto il mondo (lanciando un giovanissimo Mel Gibson come protagonista). A contribuire al successo era indubbiamente la cura grafica e quella della caratterizzazione di personaggi davvero originali. Ed è questo il cuore del nuovo progetto di George Miller, che l'anno prossimo rilancerà Mad Max a 36 anni di distanza dall'uscita del primo film (che iniziò una trilogia conclusa nel 1985 con Mad Max - Oltre la sfera del Tuono). Ecco il nuovo trailer di quelle che potrebbe essere la prima pellicola di una nuova trilogia.
Continua a leggere...


Rosetta: L'acqua sulla Terra potrebbe non provenire dalle Comete!

Rosetta risultati acqua
Uno dei motivi per cui la missione Rosetta è sempre stata così eccitante, è perché sapevamo che aveva il potenziale di sconvolgere la nostra comprensione delle comete e del loro ruolo nella storia della formazione dei pianeti (in particolare la Terra). E come previsto, i risultati sono incredibili e lo attestano i primi esiti delle analisi fatte dallo strumento ROSINA, che mostrano come l'acqua della cometa sia di un tipo molto diverso da quella presente sulla Terra nei nostri oceani e laghi. Quindi, forse dopotutto non sono state le comete a portare buona parte dell'acqua! Questi risultati portano anche a grandi domande circa l'origine delle comete, la loro distribuzione e diversità e ovviamente l'origine dell'acqua sulla Terra.
Continua a leggere...


Via Libera per la Costruzione del European Extremely Large Telescope!

Illustrazione artistica dell'European Extremely Large Telescope (E-ELT). Credit: ESO
Illustrazione artistica dell'European Extremely Large Telescope (E-ELT). Credit: ESO

Dopo anni di duro lavoro progettuale, quello che diventerà il più grande telescopio ottico mai creato, è stato approvato definitivamente in vista dell'inizio dei lavori di costruzione. Un recente incontro del principale organo di governo dell'ESO (European Southern Observatory) ha dato il via libera per la costruzione in due fasi ed una spesa globale di circa 1 miliardo di euro per la prima fase. A coprire questi cosi ci saranno le tante nazioni membro dell'ESO, che in cambio avranno accesso all'uso del telescopio e delle ricerche scientifiche prodotte. La prima luce del telescopio è prevista tra 10 anni circa. Insieme al telescopio stesso, verranno costruite nuove potentissime camere e strumenti per le ottiche adattive del telescopio. Questo telescopio permetterà di effettuare straordinarie scoperte scientifiche nel campo degli esopianeti, della composizione stellare delle galassie vicine e dell'Universo profondo. Il più grande contratto mai affidato dall'ESO, quello per la cupola del telescopio e la struttura principale, verrà stipulato entro il prossimo anno.
Continua a leggere...


ESA Propone alla Russia Collaborazione per Missioni Lunari

Mosaico di alcuni crateri in ombra al polo sud lunare; una delle zone più intriganti per la futura esplorazione robotica della Luna. Credit: ESA
Mosaico di alcuni crateri in ombra al polo sud lunare; una delle zone più intriganti per la futura esplorazione robotica della Luna. Credit: ESA

Dopo una recente riunione dei ministri responsabili per la ricerca scientifica nei vari paesi europei membri dell'ESA, sono tornati in auge i piani per l'esplorazione robotica della superficie della Luna, e la novità è quella di puntare su una maggiore collaborazione con la Russia. Negli ultimi anni, una proposta della Germania aveva raccolto molto consenso e prevedeva la costruzione di un lander per tornare al polo sud della Luna, ma è stata cancellata per mancanza di pochi milioni di euro. Questa collaborazione con la Russia, già in atto sul piano dell'esplorazione di Marte con il programma ExoMars, potrebbe aiutare sia l'ESA che la Roscosmos, che già da anni ha in mente di riprendere a lavorare al suo programma lunare. Un fattore che sicuramente non aiuta però è la tensione tra Russia e UE riguardo al caso Ucraina.
Continua a leggere...