Stephen Hawking Sta Per Compiere 70 anni!


In questa foto, ottenuta il 19 Giugno 2006, l'astrofisico Stephen Hawking stava tenendo una conferenza durante l'Incontro Internazionale della Comunità Scientifica, sul tema dell'Origine dell'Universo, a Beijing. Credit: AP Photo/Elizabeth Dalziel-File

Stephen William Hawking, nato ad Oxford l'8 Gennaio 1942, è uno dei più rinomati ed importanti fisici, matematici e cosmologi dei nostri tempi. I suoi lavori hanno segnato profondamente la fisica e astrofisica attuale ed è noto soprattutto per i studi sui buchi neri, sia nei campi della cosmologia che della gravità quantistica, nel suo intendo di creare una teoria unificata che metta in accordo relatività e quantistica. Hawking è anche famosissimo popolarmente per via del suo grande impegno nella divulgazione scientifica, grazie specialmente ad uno dei migliori best-seller scientifici del secolo scorso: "Una breve storia del tempo". Purtroppo l'astrofisico è colpito da una terribile malattia neurologica denominata sclerosi laterale amiotrofica, o anche "Morbo di Lou Gehrig", che gli è stata diagnosticata quando era solo uno studente di 21 anni, all'Università di Cambridge. La maggior parte delle persone muoiono entro pochi anni dalla diagnosi, ma Hawking, questa domenica, festeggerà il suo 70esimo compleanno!

Giovane Stephen Hawking da studente delle scuole medie e dell'università

"Non so di nessun'altro che è riuscito a sopravvivere per così tanto tempo a questa malattia" ha spiegato Ammar Al-Chalabi, direttore del Motor Neuron Disease Care and Research Center, al King's College London. "E' insolito per i pazienti con questa malattia sopravvivere per decenni, ma non è una cosa mai sentita" ha spiegato il Dr. Rup Tandan, professore di neurologia presso l'Università di Vermont College of Medicine. Tuttavia, Tandan ha sottolineato che molti sopravvissuti per decenni usavano dei ventilatori per respirare, mentre Hawking non ne ha bisogno.

Sin dalle scuole superiori, il giovane Hawking aveva mostrato di avere una grande passione e predisposizione per la matematica, e sperava di fare quello all'università, ma suo padre, che insegnava alla University College, Oxford, voleva che si iscrivesse li, dove però non c'era matematica. Così Stephen Hawking fini per fare scienze naturali e in particolare fisica. In questo periodo si interessò moltissimo alla termodinamica, la relatività e alla meccanica quantistica. Più tardi, il suo tutor in fisica, Robert Berman, raccontò al New York Times: "Per lui era necessario soltanto sapere che qualcosa poteva essere fatto, e riusciva a rifarlo senza guardare quello come altri l'avevano fatto [...] Non aveva molti libri, e non prendeva mai appunti. Ovviamente, la sua mente era completamente diversa da quella dei suoi contemporanei."
Trascurò alcuni studi e questo lo portò a dover sostenere un esame orale finale. Berman racconta così quell'esame:
"E ovviamente, tutti quelli che lo stavano esaminando, erano abbastanza intelligenti da realizzare che stavano parlando con qualcuno di gran luna più bravo di molti di loro."

Dopo aver ricevuto il suo B.A. alla Oxford, nel 1962, rimase li a studiare astronomia, ma capì presto che passare il tempo ad osservare le macchie solari non faceva per lui, e decise di andare alla Trinity Hall, Cambridge, per continuare studi di astronomia teorica e cosmologia.

Stephen Hawking insieme alla moglie, Jane, nel 1965. Da sua moglie avrà 3 figli

Poco dopo il suo arrivo a Cambridge nel 1963, le crescenti difficoltà ad usare le mani lo convincono a sottoporsi ad accertamenti (vengono eseguite una mielografia e una biopsia muscolare), e la diagnosi è una malattia degenerativa dei motoneuroni che ne compromette la funzione di controllo della contrazione muscolare (in particolare si pensa allora alla sclerosi laterale amiotrofica). Questo non l'ha affatto fermato e dopo aver conseguito il suo dottorato di ricerca, fu eletto come uno dei più giovani Fellow della Royal Society, nel 1974.
Il suo primo lavoro sostanziale fu fatto alla fine degli anni '60, quando inizio a lavorare con un suo collega, Roger Penrose, con cui creo un complesso modello matematico a partire dalla relatività generale di Albert Einstein. Questo portò Hawking, nel 1970, ad elaborare il primo di tanti teoremi della singolarità; questi teoremi forniscono un set di condizioni sufficienti per l'esistenza di singolarità gravitazionali nello spazio-tempo. Questo lavoro di ricerca si dimostrò fondamentale per la futura scoperta dei primi buchi neri, e dimostrò che le singolarità non erano in contraddizione con la relatività generale.
Il suo lavoro sui buchi neri si fece molto intenso negli anni '70/'80 e dopo aver lavorato insieme a Bardeen e Carter a dei modelli matematici, proposero le 4 leggi della meccanica dei buchi neri, partendo da un'analogia con la termodinamica.
Infine nel 1974 calcolò che i buchi neri dovrebbero, termicamente, creare ed emettere particelle subatomiche, conosciute oggi come la radiazione "Bekenstein-Hawking", fino a quando i buchi neri stessi finiscono la loro energia ed evaporano.

I suoi lavori si espansero poi anche nel campo della cosmologia, ed insieme a Jim Hartle, Hawking sviluppo un modello in cui l'universo non aveva confini nello spazio tempo, sostituendo l'iniziale singolarità dei classici modelli del Big Bang con una regione simile al Polo Nord: cioè, non si può andare più a nord del polo nord, perché non c'è un confine. In origine, la proposta senza confini aveva previsto un universo chiuso, ma le discussioni portate avanti con un'altro astrofisico di nome Neil Turok, portarono Hawking a realizzare che la proposta senza confini era anche consistente con un universo non chiuso.

Insieme a Thomas Hertog, al CERN, nel 2006, Hawking propose la teoria della "cosmologia top-down", per cui l'universo non aveva alcuno stato unico iniziale, e quindi è inappropriato per i fisici tentare di formulare una teoria che cerchi di predire l'attuale configurazione dell'universo partendo da un particolare stato iniziale. La cosmologia top-down, postula che in qualche modo, il presente, "seleziona" il passato da una sovrapposizione di molte possibili storie. Nel fare questo, la teoria suggerisce una possibile risoluzione del problema della perfetta "sintonizzazione" dell'universo: E' inevitabile che scopriamo le attuali costanti fisiche del nostro universo, dato che l'attuale universo "seleziona" soltanto quelle storie passate che hanno portato alle condizioni presenti. In questo modo, la cosmologia top-down fornisce una spiegazione antropica per il motivo per cui ci troviamo in un universo che permette l'esistenza della materia e l'universo, senza per questo dover invocare l'esistenza di molteplici universi.

Il lavoro teorico di Hawking include anche tantissimi studi di cosmologia quantistica, inflazione cosmica, produzione di elio negli universi anisotropic dopo il Big Bang, cosmologia a grandi N, la densità della matrice dell'universo, la topologia e la struttura dell'universo, universi "neo-nati", instantoni di Yang-Mills, la natura dello spazio tempo, l'entanglement quantistico e l'entropia, la freccia del tempo, la teoria delle stringhe, la supergravità, la gravità quantistica euclidea, i wormhole, la radiazione gravitazionale e tantissime altre ancora che spaziano da questioni di natura filosofica e teologia fino a studi di natura astrobiologica.

Stephen Hawking in visita al LHC, al CERN, durante la costruzione del rilevatore ATLAS, nel 2006. Credit: CERN

Per festeggiare il suo compleanno, l'Università di Cambridge terrà un simposio pubblico su "Lo Stato dell'Universo", in cui ci saranno letture da parte di 27 diversi scienziati tra i più brillanti del pianeta, inclusi Hawking stesso. Per 30 anni, ha avuto il posto di insegnante all'Università di Cambridge che in precedenza era tenuto da Sir Isaac Newton! Hawking si è ritirato dalla sua posizione nel 2009 ed è adesso direttore del Centro di ricerca sulla Cosmologia Teoretica dell'Università di Cambridge.

Hawking è arrivato a questo punto nonostante abbia avuto moltissimi limiti e sia quasi interamente paralizzato e sulla sedia a rotelle sin dagli anni '70! Adesso comunica soltanto spostando la sua guancia destra. Da quando ha sofferto di un attacco di pneumonia, nel 1985, ha avuto bisogno di attenzioni 24/24 e usa un computer ed un sintetizzatore vocale per comunicare.

Un piccolo sensore infrarosso nei suoi occhiali viene collegato al suo computer. Il sensore rileva i pulsi della guancia di Hawking e con questo seleziona le parole mostrate sullo schermo del computer. Le parole scelte sono poi sintetizzate vocalmente. Possono servire anche fino a 10 minuti per Hawking per riuscire a dire una sola frase. "L'unico problema con il sintetizzatore vocale è che mi da un accento Americano" ha dichiarato il fisico britannico.

Hawking ci ha impiegato 4 anni a scrivere il suo più recente libro "The Grand Design". Per l'occasione lo scienziato non ha voluto fare interviste dedicate presso la Associated Press, ma ha lasciato parlare la sua assistente personale, Judith Croasdell, che ho la descritto come un paziente rimarchevole! "Il modo in cui comunica può sembrare frustrante per quanto è lento, almeno per la maggior parte delle persone, ma lui non lascia che questo gli impedisca di ragionare".

Dopo l'ultimo periodo passato in ospedale, Hawking gli disse che aveva passato tutto il tempo riflettendo sui buchi neri. La Croasdell ha poi dichiarato che "Non è una persona molto mattiniera, ma rimane sveglio fino anche a tardi".
L'ufficio di Hawking si trova nell'Università di Cambridge ed è pieno di ricordi: foto di famiglia, uno shuttle NASA in miniatura, foto insieme ad altri scienziati, e persino insieme a Barack Obama e sua moglie Michelle. Poi ci sono ovviamente tantissimi libri di fisica e astronomia.

Stephen Hawking nel suo ufficio a Cambridge, insieme al fisico Leonard Mlodinow. Credit: Judith Croasdell

"E' un grande istrione, adora essere al centro dell'attenzione" ha spiegato Kitty Ferguson, che ha già scritto 2 biografie sulla vita del fisico. Ha anche dichiarato che ha un senso dell'umorismo molto acuto e ha programmato il suo computer in modo che risponda da solo alle persone che incontra e gli fanno domande casuali come "Sei davvero Stephen Hawking?" Il suo computer risponderà automaticamente "No, ma spesso mi scambiano per lui".

Riguardo alla sua malattia, Hawking ha dichiarato che cerca non pensare troppo alle sue limitazioni.
"Ho avuto la malattia di Lou Gehrig per praticamente tutta la mia vita adulta" spiega il fisico sul suo sito. "Eppure non mi ha proibito di avere una famiglia molto bella e dall'avere tanto successo nel mio lavoro. Cerco di condurre una vita quanto più normale possibile e non penso alla mia condizioni o rimpiango cose che mi proibiscono di fare altre cose, che poi non sono così tante."

Barack Obama offre la Medaglia della Libertà, la più alta onorificenza americana, al fisico Stephen Hawking. Credit: AP/Press

Ed è proprio il caso di dire che ha ragione, visto che il suo ufficio è pieno di foto di viaggi fatti da Hawking in tutte le parti del mondo, dalla Cina all'Isola di Pasqua, e persino quasi nello spazio, quando nel 2007 è stato portato con un aereo speciale ad un'altissima altitudine per poi provare la gravità zero. Fu la prima volta da 40 anni che Hawking abbandonava la sua sedia a rotelle.
"Non ho mai visto Stephen tanto felice" ha dichiarato Sam Balckburn, assistente e laureato con Hawking, che l'ha accompagnato insieme ad una dozzina di altri, tra cui anche due dottori. "Aveva un sorriso enorme sulla faccia."

Hawking in zero gravità. Credit. ZeroG

Auguri Stephen Hawking!

4 risposte a “Stephen Hawking Sta Per Compiere 70 anni!”

Rispondi

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>