Scoperto pianeta terrestre nella zona abitabile intorno alla propria stella!


Illustrazione artistica del pianeta Kepler-186f. Credit: NASA/JPL/
Illustrazione artistica del pianeta Kepler-186f. Credit: NASA/JPL/

Gli astronomi al lavoro sulla missione Kepler, della NASA, hanno scoperto un pianeta roccioso, grande solo il 10% in più della Terra, nel bel mezzo della zona abitabile (regione orbitale in cui l'energia ricevuta dalla stella basta a mantenere l'acqua liquida sulla superficie) intorno alla propria stella! Il pianeta si chiamata Kepler-186f ed orbita intorno ad una nana rossa (Kepler-186) a 500 anni luce da noi. Si tratta di uno dei migliori candidati mai scoperti in questo senso e la sua scoperta segna un grandissimo momento per la ricerca e lo studio di esopianeti terrestri abitabili.

Questo sistema non è nuovo alle scoperte planetarie. Già conosciamo altri 4 membri: Kepler-186b, c, d ed e. Si suppone siano rocciosi ma orbitano tutti molto vicino alla propria stella, quindi fuori da quella che è la Zona Abitabile (spesso chiamata anche Riccioli d'Oro).
Il nuovo pianeta "f" è in una regione perfetta da questo punto di vista e potrebbe ospitare oceani liquidi.

Ecco un paragone tra le orbite interne del Sistema Solare e quelle del Sistema Kepler-168. Kepler-168f è il primo vero pianeta terrestre in un'orbita abitabile della propria stella! La zona verde indica dove l'acqua può essere liquida sulla superficie. Credit: NASA/JPL/Kepler
Ecco un paragone tra le orbite interne del Sistema Solare e quelle del Sistema Kepler-168. Kepler-168f è il primo vero pianeta terrestre in un'orbita abitabile della propria stella! La zona verde indica dove l'acqua può essere liquida sulla superficie. Credit: NASA/JPL/Kepler

Quello che è molto interessante notare è che si tratta di una nana rossa. Un tipo particolare di stella che potrebbe condizionare molto anche l'abitabilità del pianeta, sia nel bene che nel male. Queste stelle sono considerevolmente più piccole, meno massicce e meno calde rispetto al Sole, ma sopravvivono per lassi di tempo molto più lunghi.
Essendo la stella più fredda, il pianeta deve trovarsi molto più vicino per essere nella zona abitabile, ma questo significa anche che si trova molto più esposto alle radiazioni dell'attività della propria stella. Tuttavia, come dicevamo prima, queste stelle sono stabili e costanti per anche il doppio della durata della vita media di una stella come il Sole, dando quindi molto tempo alla vita di fare il suo corso ed avere l'occasione di svilupparsi ed adattarsi.

Illustrazione artistica di una nana rossa ed un pianeta vicino. Credit: Harvard-Smithsonian
Illustrazione artistica di una nana rossa ed un pianeta vicino. Credit: Harvard-Smithsonian

Quali sono quindi le probabilità di trovare forme di vita su Kepler-186f? La cattiva notizia è che non possiamo ancora dire nulla con certezza, ma la buona è che questo pianeta ha molte carte in regola per essere attualmente il nostro miglior candidato come pianeta abitabile. Non solo, ma dato che si trova ad appena 500 anni luce da noi è abbastanza vicino da essere osservato molto più in dettaglio nei prossimi anni.
A questo si aggiunge anche un altro vantaggio: un pianeta terrestre intorno ad una stella come il Sole avrebbe un'orbita di circa 1 anno. Questo significa che, passato un momento propizio per l'osservazione, attraverso il metodo del transito o per analisi spettroscopiche della luce della stella che attraversa l'atmosfera del pianeta, dovremo aspettare un intero anno prima di avere le stesse condizioni favorevoli . Ma Kepler-186f, trovandosi intorno ad una stella meno massiccia, si trova ad orbitare in appena 130 giorni dandoci occasioni più frequenti di studio approfondito.

Lo stesso SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence) potrebbe essere molto interessato a puntare i suoi radiotelescopi verso questa regione del cielo!

Non mancate questa sera alle 20:00 (ore italiane), per l'approfondimento e la conferenza completa da parte del team che ha fatto la scoperta! La potrete seguire in live streaming qui su Link2universe o su : http://www.ustream.tv/channel/nasa-arc

http://nos.nl/artikel/637138-planeet-zoals-aarde-gevonden.html

5 risposte a “Scoperto pianeta terrestre nella zona abitabile intorno alla propria stella!”

  1. silvana

    ...eureka! finalmente comincia una nuova era, e speriamo anche dal punto di vista "spirituale"...

    Rispondi
  2. Mario Crevato

    adesso che facciano un bel VLBA a base interplannetaria con un specchio siulla lun
    na e un sulla terra e magari acora + lonntano e così forse riusciamo a vedere il colore delle mutande delle 186femmine ! :)

    Rispondi

Rispondi

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>