Galassia di Andromeda Scansionata a Raggi X da NuSTAR


M31, meglio conosciuta come Andromeda, è di certo la vicina più imponente della Via Lattea. In questa survey di NuSTAR, M31 è stata scrutata nei raggi X più energetici e mostra la bellezza di 40 binarie X. Credits: NASA/JPL-Caltech/GSFC
M31, meglio conosciuta come Andromeda, è di certo la vicina più imponente della Via Lattea. In questa survey di NuSTAR, M31 è stata scrutata nei raggi X più energetici e mostra la bellezza di 40 binarie X. Credits: NASA/JPL-Caltech/GSFC

La galassia di Andromeda è di sicuro la vicina più imponente della Via Lattea: oggi, con NuSTAR, siamo riusciti a metterla “a nudo” con la migliore vista a raggi X ad alta energia.

NuSTAR (Nuclear Spectroscopic Telescope Array) è riuscita ad osservare 40 “binarie a raggi X”, sorgenti intense di raggi X composte da un buco nero o da una stella di neutroni che si nutrono delle proprie compagne stellari.

Il risultato aiuterà i ricercatori a capire meglio il ruolo di queste strane coppie nell'evoluzione del nostro universo, in quanto queste riscaldano il minestrone intergalattico di gas in cui le prime galassie si sono formate.

Altre missioni spaziali, come il Chandra X-ray Observatory, hanno ottenuto immagini molto nette nella banda X a bassa energia. Ma la combinazione di queste con le riprese ad alta energia di NuSTAR sarà quella vincente e fornirà agli astronomi un potente strumento per restringere le ipotesi sulla natura delle binarie a raggi X nelle galassie a spirali, oltre che ad evidenziare le differenze tra questi sistemi nella nostra stessa Galassia e nel nostro vicinato.

Fiona Harrison, prima ricercatrice per la missione NuSTAR, afferma infatti che “studiare le popolazioni stellari estreme in Andromeda ci dice quanto la sua storia di formazione delle stelle può essere diversa rispetto a quella nelle nostre vicinanze”.

Giulia Murtas

Rispondi

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>