Grandi Osservatori della NASA “Pesano” un Giovanissimo Ammasso di Galassie


IDCS 1426, l'ammasso di galassie più pesante quando l'universo aveva un quarto dell'età attuale. Credits: X-ray: NASA/CXC/Univ of Missouri/M.Brodwin et al; Optical: NASA/STScI; Infrared: JPL/CalTech
IDCS 1426, l'ammasso di galassie più pesante quando l'universo aveva un quarto dell'età attuale. Credits: X-ray: NASA/CXC/Univ of Missouri/M.Brodwin et al; Optical: NASA/STScI; Infrared: JPL/CalTech

Quanto può pesare una galassia? Ed un intero ammasso di galassie? Grazie al lavoro congiunto di tre dei Grandi Osservatori della NASA, gli astronomi sono riusciti a fare lo studio più dettagliato di sempre di un giovane – ed estremamente massivo – ammasso di galassie.

Il cluster in questione si chiama IDCS J1426.5+3508 (IDCS 1426 per farla breve) ed è lontano da noi ben 10 miliardi di anni luce: è talmente lontano che la luce che ci arriva ora è quella partita quanto l'universo aveva un quarto della sua età attuale! E non solo: questo è infatti l'ammasso più grande che si possa trovare proprio in quel periodo dell'universo.

Scoperto abbastanza recentemente (nel 2012) dal telescopio spaziale Spitzer, IDCS 1426 è stato studiato in molti modi diversi. Con Hubble e l'Osservatorio Keck è stata calcolata la distanza da noi; le osservazioni del Combined Array for Millimeter Wave Astronomy hanno dimostrato che fosse molto massivo; ma non è tutto. Le nuove osservazioni del Chandra X-ray Observatory ha confermato che l'ammasso è formato al 90% da materia oscura!

E ritorniamo alla domanda di partenza: quando “pesa”? Beh, la massa stimata è quella di più di 500 miliardi di soli!

I dati di Chandra rivelano anche un punto molto luminoso proprio in mezzo all'ammasso, ma non al centro: questa emissione così anomala potrebbe essere spiegata da una probabile fusione con un altro ammasso più piccolo circa 500 milioni di anni prima. Inoltre, il gas caldo tra una galassia e l'altra è disposto il maniera particolarmente asimmetrica, e ciò suggerisce che il nostro IDCS 1426 si sia formato molto rapidamente. Queste informazioni potrebbero chiarire molte cose sulla formazione di megastruture come la suddetta in un universo così giovane.

Giulia Murtas

Rispondi

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>