Nuovi Membri della Expedition 47 in Partenza per Missione di Sei Mesi sulla ISS


I tre membri della Expedition 47 in partenza stasera per la ISS. Da sinistra: Jeff Williams (ingegnere di volo, NASA), Alexey Ovchinin (comandante in capo della Soyuz, Roscosmos) e Oleg Skripochka (ingegnere di volo, Roscosmos). Credit: Gagarin Cosmonaut Training Center
I tre membri della Expedition 47 in partenza stasera per la ISS. Da sinistra: Jeff Williams (ingegnere di volo, NASA), Alexey Ovchinin (comandante in capo della Soyuz, Roscosmos) e Oleg Skripochka (ingegnere di volo, Roscosmos). Credit: Gagarin Cosmonaut Training Center

Due russi ed uno americano sono pronti alla partenza per la Stazione Spaziale Internazionale. E no, non è l'inizio di una barzelletta: l'equipaggio della Expedition 47, composto da Alexey Ovchinin (comandante della Soyuz) e dai veterani Oleg Skripochka e Jeff Williams (ingegneri di volo), partirà questa sera alle 22:26 ora italiana per una missione di sei mesi, a bordo del razzo Soyuz FG.

Il razzo Soyuz FG, che trasporterà in orbita il modulo Soyuz TMA-20M con gli astronauti all'interno, è rimasto fino all'ultimo in posizione orizzontale a causa dei forti venti che stanno soffiando presso l'area di lancio del Sito 1/5 al Cosmodromo di Baikonur (Kazakistan), ed ha iniziato le operazioni di countdown – della durata di otto ore – per il pompaggio del propellente.

La ISS passerà al di sopra del sito di lancio pochi minuti prima della partenza: ciò significa che Soyuz FG partirà all'inseguimento della stazione a tutta velocità. Nel frattempo è previsto che il modulo Soyuz TMA-20M riesca, dopo l'ingresso in orbita in 9 minuti circa, ad inserirsi in orbita a 200 km di altitudine.

Questo grafico riassume i vari passaggi che il razzo Soyuz FG ed il modulo Soyuz TMA-20M compiranno per l'entrata in orbita, l'avvicinamento ed infine l'attracco con la ISS. Credit: Roscosmos/TsUP
Questo grafico riassume i vari passaggi che il razzo Soyuz FG ed il modulo Soyuz TMA-20M compiranno per l'entrata in orbita, l'avvicinamento ed infine l'attracco con la ISS. Credit: Roscosmos/TsUP

In totale, la Soyuz TMA-20M compirà tre orbite: durante la prima la navicella si posizionerà in assetto per innalzare la sua orbita fino all'altitudine finale; un altro paio di manovre è pianificato per il secondo giro, in modo da correggere tutti gli eventuali errori che potrebbero capitare durante il lancio, in base alle misurazioni dirette dei parametri orbitali. L'incontro finale con la ISS è pianificato per la terza orbita: la Soyuz attiverà, una volta a destinazione, il complesso dei sistemi KURS per guidarsi automaticamente verso la Stazione Spaziale Internazionale, attraccando al modulo Poisk alle 3:12 UTC (4:12 del mattino, ora italiana).

I sei membri al completo della Expedition 47. Credit: NASA
I sei membri al completo della Expedition 47. Credit: NASA

L'equipaggio in partenza raggiungerà – a distanza di una ventina di giorni dalla partenza di Scott Kelly (NASA), Mikhail Kornienko e Sergey Volkov (Roscosmos) – il comandante della Expedition 47 Tip Kopra (della NASA), l'ingegnere di volo Tim Peake (ESA) e Yuri Malenchenko (Roscosmos).

Giulia Murtas

Fonte: SpaceFlight101

Rispondi

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>