In Partenza con Jason-3 per Migliorare la Conoscenza Degli Oceani

Jason-3, missione in collaborazione con NOAA, NASA, CNES ed EUMETSAT, aiuterà a mappare la superficie degli oceani ed a migliorare le previsioni di cicloni tropicali, oltre a tante altre applicazioni scientifiche e pratiche. Credit: NASA
Jason-3, missione in collaborazione con NOAA, NASA, CNES ed EUMETSAT, aiuterà a mappare la superficie degli oceani ed a migliorare le previsioni di cicloni tropicali, oltre a tante altre applicazioni scientifiche e pratiche. Credit: NASA

È stato confermato il lancio, previsto per questo 17 gennaio, di Jason-3, missione internazionale condotta dal National Oceanic and Atmospheric Administration, per continuare le misurazioni da satellite della topografia delle superfici degli oceani.
Continua a leggere...


Grandi Osservatori della NASA “Pesano” un Giovanissimo Ammasso di Galassie

IDCS 1426, l'ammasso di galassie più pesante quando l'universo aveva un quarto dell'età attuale. Credits: X-ray: NASA/CXC/Univ of Missouri/M.Brodwin et al; Optical: NASA/STScI; Infrared: JPL/CalTech
IDCS 1426, l'ammasso di galassie più pesante quando l'universo aveva un quarto dell'età attuale. Credits: X-ray: NASA/CXC/Univ of Missouri/M.Brodwin et al; Optical: NASA/STScI; Infrared: JPL/CalTech

Quanto può pesare una galassia? Ed un intero ammasso di galassie? Grazie al lavoro congiunto di tre dei Grandi Osservatori della NASA, gli astronomi sono riusciti a fare lo studio più dettagliato di sempre di un giovane – ed estremamente massivo – ammasso di galassie.
Continua a leggere...


La Nissan Testa Tecnologia Spaziale per l'Uso in Macchine Senza Conducente

Modello di Nissan LEAF, macchina elettrica che utilizza componenti inizialmente progettate per l'esplorazione spaziale e planetaria. Credit: NASA/Nissan
Modello di Nissan LEAF, macchina elettrica che utilizza componenti inizialmente progettate per l'esplorazione spaziale e planetaria. Credit: NASA/Nissan

Per tutto il 2015 l'industria automobilistica della Nissan e l'Ames Research Center della NASA (Silicon Valley, California) hanno collaborato per una serie di progetti ambiziosi. Motivo? Lo sviluppo di tecnologie a guida autonoma che un giorno potrebbero essere utilizzate in veicoli di tutti i giorni, rover robotici su Marte e missioni di esplorazione spaziale.
Continua a leggere...


Nuovi Test con Campi Elettromagnetici sul James Webb Space Telescope

Il team di ingegneri in speciali tute da camera sterile che si è occupato dei test su ISIM. Da sinistra a destra: Andy Mentges, Nathan Block, Vaughn Nelson, Rob Houle, John McCloskey, Mark Branch, Rick Jones, Greg Jamroz. Credits: NASA/Chris Gunn
Il team di ingegneri in speciali tute da camera sterile che si è occupato dei test su ISIM. Da sinistra a destra: Andy Mentges, Nathan Block, Vaughn Nelson, Rob Houle, John McCloskey, Mark Branch, Rick Jones, Greg Jamroz. Credits: NASA/Chris Gunn

L'intero apparato strumentale a bordo del James Webb Space Telescope (JWST) andrà incontro a sfide ambientali non indifferenti: non dovrà infatti soltanto sopravvivere nel gelido ambiente dello spazio, ma dovrà anche lavorare in maniera egregia anche nell'ambiente zeppo di campi elettromagnetici della navicella. Per questo motivo, tutti i componenti vengono accuratamente testati per vedere la risposta in ogni situazione. E, a proposito dei campi elettromagnetici, il test è recentemente avvenuto in una stanza davvero unica.
Continua a leggere...


Tim Peake e Tim Kopra Pronti per una Passeggiata nello Spazio

Il comandante della Stazione Scott Kelly (a sinistra) e Tim Kopra (a destra) si preparano per l'uscita - avvenuta il 21 dicembre. In quell'occasione Tim Peake è rimasto di supporto all'interno della ISS. Credit: ESA/NASA
Il comandante della Stazione Scott Kelly (a sinistra) e Tim Kopra (a destra) si preparano per l'uscita - avvenuta il 21 dicembre. In quell'occasione Tim Peake è rimasto di supporto all'interno della ISS. Credit: ESA/NASA

A bordo della Stazione Spaziale Internazionale c'è grande fermento per la prossima passeggiata spaziale del 15 gennaio: due astronauti, Tim Peake dell'ESA e Tim Kopra della NASA, usciranno infatti per riparare un modulo dell'elettricità.
Continua a leggere...


Scoperte in Altre Galassie delle “Gemelle” per la Superstella Eta Carinae

La vicina galassia a spirale M83 contiene ben due sistemi candidati ad essere gemelli di Eta Carinae. Credits: NASA, ESA, the Hubble Heritage Team (STScI/AURA) and R. Khan (GSFC and ORAU)
La vicina galassia a spirale M83 contiene ben due sistemi candidati ad essere gemelli di Eta Carinae. Credits: NASA, ESA, the Hubble Heritage Team (STScI/AURA) and R. Khan (GSFC and ORAU)

Eta Carinae, il sistema stellare più luminoso e massivo nel raggio di 10 000 anni luce, è diventato famoso per una straordinaria eruzione vista a metà dell'800 che ha lanciato l'equivalente di 10 masse solari nello spazio. Il guscio di gas e polveri ancora in espansione intorno ad esso, rendono Eta Carinae unico nel suo genere – nella nostra Galassia almeno. Eppure un nuovo studio, che ha sfruttato i dati di Spitzer e Hubble, mostra per la prima volta che cinque oggetti con identiche proprietà sono stati individuati in altre galassie.
Continua a leggere...


Chandra Osserva il "Ruttino" in Diretta di un Buco Nero Supermassiccio

NGC 5195, la piccola galassia compagna della Galassia Vortice (NGC 5195), ospita un buco nero supermassivo di cui abbiamo osservato la "digestione dopo pasto". Credits: X-ray: NASA/CXC/Univ of Texas/E.Schlegel et al; Optical: NASA/STScI
NGC 5195, la piccola galassia compagna della Galassia Vortice (NGC 5195), ospita un buco nero supermassivo di cui abbiamo osservato la "digestione dopo pasto". Credits: X-ray: NASA/CXC/Univ of Texas/E.Schlegel et al; Optical: NASA/STScI

Tramite il Chandra X-ray Observatory, gli studiosi hanno notato la presenza di potenti getti di materiale prodotti da un gigantesco buco nero, uno tra i più vicini alla Terra. Continua a leggere...


Galassia di Andromeda Scansionata a Raggi X da NuSTAR

M31, meglio conosciuta come Andromeda, è di certo la vicina più imponente della Via Lattea. In questa survey di NuSTAR, M31 è stata scrutata nei raggi X più energetici e mostra la bellezza di 40 binarie X. Credits: NASA/JPL-Caltech/GSFC
M31, meglio conosciuta come Andromeda, è di certo la vicina più imponente della Via Lattea. In questa survey di NuSTAR, M31 è stata scrutata nei raggi X più energetici e mostra la bellezza di 40 binarie X. Credits: NASA/JPL-Caltech/GSFC

La galassia di Andromeda è di sicuro la vicina più imponente della Via Lattea: oggi, con NuSTAR, siamo riusciti a metterla “a nudo” con la migliore vista a raggi X ad alta energia.
Continua a leggere...


Curiosity Gira Attorno ad una Duna Marziana per Passare dall'Altro Lato

Questa vista panoramica del versante sottovento della Duna del Namib copre 360°, e mostra anche una parte del monte Sharp sullo sfondo. La base della duna dista dalla fotocamera appena 7 metri; il versante, che ha un'inclinazione di circa 28°, si estende in altezza per circa 5 metri. Le immagini sono stae riprese il 18 dicembre 2015, ed i colori sono stati aggiustati in modo tale che appaiano come se si trovassero sotto il cielo terrestre. Credits: NASA/JPL-Caltech/MSSS
Questa vista panoramica del versante sottovento della Duna del Namib copre 360°, e mostra anche una parte del monte Sharp sullo sfondo. La base della duna dista dalla fotocamera appena 7 metri; il versante, che ha un'inclinazione di circa 28°, si estende in altezza per circa 5 metri. Le immagini sono state riprese il 18 dicembre 2015 con la Mast Camera, ed i colori sono stati aggiustati in modo tale che appaiano come se si trovassero sotto il cielo terrestre. Credits: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Il rover Curiosity, ormai su Marte da tre anni e mezzo e dal 2014 nei paraggi del Monte Sharp, è impegnato ora ad esaminare campioni delle Bagnold Dunes, un gruppo di dune di sabbia scura che rivestono il fianco a nord-ovest della montagna che sta scalando.
Continua a leggere...


Hubble Immortala la Fusione di Due Galassie

NGC 6052, due galassie in una. Credit: ESA/Hubble & NASA, Acknowledgement: Judy Schmidt
NGC 6052, due galassie in una. Credit: ESA/Hubble & NASA, Acknowledgement: Judy Schmidt

Tramite la Wide Field Planetary Camera 2, il telescopio spaziale Hubble colpisce ancora per la ripresa di una galassia alquanto singolare, collocata circa 230 milioni di anni luce da noi nelle profondità della costellazione di Hercules.
Continua a leggere...