Successo per i Primi Test in Orbita Degli Strumenti di ExoMars

Vista del bordo di un grande cratere ancora enza nome, a nord del cratere Da Vinci, nei pressi dell'equatore di Marte. La risoluzione è di 7.2 metri per pixel. Credit: ESA/Roscosmos/ExoMars/CaSSIS/UniBE
Vista del bordo di un grande cratere ancora enza nome, a nord del cratere Da Vinci, nei pressi dell'equatore di Marte. La risoluzione è di 7.2 metri per pixel. Credit: ESA/Roscosmos/ExoMars/CaSSIS/UniBE

Il Trace Gas Orbiter della missione ExoMars ha per la prima volta testato in orbita l’intero set di strumenti di cui è dotato, ottenend risultati che fanno presupporre un grande potenziale per le future osservazioni intorno al Pianeta Rosso.
Continua a leggere...


Ritorno a Casa per Gli Astronauti della Expedition 49

L'astronauta Kate Rubins (NASA), il cosmonauta Anatoly Ivanishin (Roscosmos) - al centro - e l'astronauta Takuya Onishi (JAXA) fuori dalla navicella Soyuz MS-01 a pochi minuti dall'atterraggio. Credit: NASA/Bill Ingalls
L'astronauta Kate Rubins (NASA), il cosmonauta Anatoly Ivanishin (Roscosmos) - al centro - e l'astronauta Takuya Onishi (JAXA) fuori dalla navicella Soyuz MS-01 a pochi minuti dall'atterraggio. Credit: NASA/Bill Ingalls

Dopo una missione durata ben 115 giorni a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, il cosmonauta Anatoly Ivanishin (Roscosmos) – comandante della Soyuz MS-01, e gli ingegneri di volo Takuya Onishi (JAXA) e Kate Rubins (NASA) sono finalmente tornati a casa.
Continua a leggere...


Sguardo al Sito di Atterraggio per il Modulo Schiaparelli

Sito di atterraggio del modulo Schiaparelli della missione ExoMars 2016 presso il Meridiani Planum, in un mosaico della High Resolution Stereo Camera, montato con riprese del 23, 26 e 29 agosto 2005 e 1 agosto 2010. Credit: ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO
Sito di atterraggio del modulo Schiaparelli della missione ExoMars 2016 presso il Meridiani Planum, in un mosaico della High Resolution Stereo Camera, montato con riprese del 23, 26 e 29 agosto 2005 e 1 agosto 2010. Credit: ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO

La missione ExoMars 2016, realizzata nell’ambito di una collaborazione tra l’ESA e la Roscosmos e partita da Baikonur il 14 marzo 2016, arriverà proprio questo ottobre al suo incontro con Marte. In previsione di questo evento, il modulo Schiaparelli ha tracciato i confini della regione sulla quale effettuerà il suo atterraggio.
Continua a leggere...


Nuovi Membri della Expedition 47 in Partenza per Missione di Sei Mesi sulla ISS

I tre membri della Expedition 47 in partenza stasera per la ISS. Da sinistra: Jeff Williams (ingegnere di volo, NASA), Alexey Ovchinin (comandante in capo della Soyuz, Roscosmos) e Oleg Skripochka (ingegnere di volo, Roscosmos). Credit: Gagarin Cosmonaut Training Center
I tre membri della Expedition 47 in partenza stasera per la ISS. Da sinistra: Jeff Williams (ingegnere di volo, NASA), Alexey Ovchinin (comandante in capo della Soyuz, Roscosmos) e Oleg Skripochka (ingegnere di volo, Roscosmos). Credit: Gagarin Cosmonaut Training Center

Due russi ed uno americano sono pronti alla partenza per la Stazione Spaziale Internazionale. E no, non è l'inizio di una barzelletta: l'equipaggio della Expedition 47, composto da Alexey Ovchinin (comandante della Soyuz) e dai veterani Oleg Skripochka e Jeff Williams (ingegneri di volo), partirà questa sera alle 22:26 ora italiana per una missione di sei mesi, a bordo del razzo Soyuz FG.
Continua a leggere...


Lancio con Successo per la Missione ExoMars 2016: la Via per Marte è Libera

Credit: ESA/Stephane Corvaja
Credit: ESA/Stephane Corvaja

La missione ExoMars 2016, nata dal progetto congiunto dell'European Space Agency (ESA) e della Roscosmos, ha ottenuto una partenza con successo e si dirige ora a vele spiegate verso Marte, per un viaggio che durerà ben sette mesi. Il razzo Proton di 58 metri incaricato di portare in volo ExoMars per la prima tratta del viaggio è partito dal Sito 200/39 del Cosmodromo di Baikonur alle 10:31 ora italiana, nel primo lancio per una missione interplanetaria in circa due decenni.
Continua a leggere...


Missione ExoMars Pronta per la Partenza da Baikonur

Parte del team per la preparazione al lancio di ExoMars 2016 è immortalato di fronta al razzo Proton-M, al Baikonur Cosmodrome (Kazakistan). Credit:  KhSC
Parte del team per la preparazione al lancio di ExoMars 2016 è immortalato di fronta al razzo Proton-M, al Baikonur Cosmodrome (Kazakistan). Credit: KhSC

Manca ormai pochissimo alla partenza della missione ESA/Roscosmos ExoMars: la partenza è prevista per domani mattina – 14 marzo, 10:31 ora italiana – dal cosmodromo di Baikonur, Kazakistan con il razzo russo Proton. Da domani avrà inizio un viaggio lungo ben sette mesi in direzione del Pianeta Rosso.
Continua a leggere...


Proton-M Pronto a Partire da Baikonur con Eutelsat 9B

Proton-M sulla rampa di lancio. La partenza è prevista per le 23:20 ora italiana. Credit: Roscosmos
Proton-M sulla rampa di lancio. La partenza è prevista per le 23:20 ora italiana. Credit: Roscosmos

Manca ormai pochissimo alla partenza del razzo russo Proton-M che porterà, in una missione della durata di 9 ore e 12 minuti, il satellite per le comunicazioni Eutelsat 9B verso la sua orbita geostazionaria di trasferimento.
Continua a leggere...


Angara A5: Nuovo Razzo della Russia Pronto al Debutto

Razzo Angara A5 mentre viene portato verso la rampa di lancio. Credit: Roscosmos
Razzo Angara A5 mentre viene portato verso la rampa di lancio. Credit: Roscosmos

La Russia si prepara al lancio del suo nuovo vettore pesante: l'Angara 5! Si tratta del razzo più potente dai tempi di Energia, che negli anni '80 fu costruito per lanciare lo shuttle sovietico Buran. Ma la vera novità è che Angara non è tanto un razzo quanto un'intera famiglia di razzi costruiti intorno alla modularità dei componenti. Il cuore dei razzi si chiama URM (Universal Rocket Module), e montandone molti insieme si possono ottenere razzi in varie configurazioni e diverse potenze. L'A5 è il primo di questi nuovi razzi ed è anche il primo volo dell'URM nel razzo per cui fu costruito (i moduli sono già stati testati su vettori coreani).
Continua a leggere...