Nuovo Esperimento Cittadino per il Teletrasporto Quantistico

Cristalli utilizzati nel corso degli esperimenti sul teletrasporto quantistico per immagazzinare fotoni "intrecciati". Credits: Félix Bussières/University of Geneva
Cristalli utilizzati nel corso degli esperimenti sul teletrasporto quantistico per immagazzinare fotoni "intrecciati". Credits: Félix Bussières/University of Geneva

La scienza che indaga sullo strano mondo delle particelle estremamente piccole o “fredde” ha da poco compiuto un gigantesco passo avanti: abilità straordinarie come il teletrasporto quantistico, finora analizzate e sperimentate soltanto nei laboratori, sono state riprodotte per la prima volta in contesti della vita di tutti i giorni, dando il via ad una possibile rivoluzione dei sistemi di comunicazione attuali.
Continua a leggere...


Scoperta al CERN dei Pentaquark, una Nuova Classe di Particelle

Possibili configurazioni per i pentaquark: essi potrebbero essere strutturati come un'unica particelle composta da quattro quark ed un antiquark, oppure da un mesone ed un barione (tre quark) legati debolmente. Credit: Daniel Dominguez
Possibili configurazioni per i pentaquark: essi potrebbero essere strutturati come un'unica particelle composta da quattro quark ed un antiquark, oppure da un mesone ed un barione (tre quark) legati debolmente. Credit: Daniel Dominguez

È ufficiale la notizia della scoperta di una nuova classe di particelle, i pentaquark, avvenuta al CERN tramite l'esperimento LHCb. La collaborazione che ha portato alla scoperta ha inviato in data 14 luglio 2015 un articolo riportante questi risultati al Physical Review Letters.
Continua a leggere...


Equazione di Dirac ed Entanglement, Le Espressioni Quantistiche più Romantiche che ci siano

Credit: Eleonora Zedda
Credit: Eleonora Zedda

Esiste forse un'equazione per descrivere l'amore? Una formula chimica o fisica che quantifica questo sentimento? Forse sì o forse no. Ma nel mondo della meccanica quantistica è possibile scoprire alcune delle relazioni più “romantiche” che ci siano: l'equazione di Dirac ed il fenomeno dell'entanglement.
Continua a leggere...


Creata Mappa Cosmologica dei Neutrini

SDSS, Big Bang, neutroni, fisica delle particelle, quantistica,galassie
Mappa della distribuzione delle galassie nell'universo, dal SDSS: La Terra è al centro, e ogni puntino rappresenta una galassia, che tipicamente contiene in media 100 miliardi di stelle. Le galassie sono colorate in base all'età delle loro stelle, con le più rosse, più fortemente concentrate,che mostrano le stelle più vecchie. I cerchi esteriori sono alla distanza di 2 miliardi di anni luce. La regione tra i margini non è stata mappata dal SDSS perché la polvere nella nostra stessa galassia oscura la vista dell'universo distante in queste direzioni. Entrambe le fette contengono tutte le galassie scoperte. Credit: M. Blanton, e SDSS

I cosmologi, e non i fisici delle particelle, potrebbero essere quelli che finalmente misurano la massa del evasiva particella chiamata Neutrino. Un gruppo di cosmologi hanno effettuato la loro più precisa misurazione mai tentata della massa di queste,che vengono chiamate "particelle fantasma". Non hanno usato alcun rilevatore di particelle gigantesco ma i dati dalla più grande indagine e catalogazione di galassia mai fatta, il Sloan Digital Sky Survey(SDSS). Mentre esperimenti precedenti hanno mostrato che i neutrini hanno una massa, si pensava fosse cosi bassa che fosse incredibilmente difficile misurarla. Ma guardando ai dati del SDSS,uno studente dottorando di nome Shawn Thomas insieme ad altri della University College London, hanno fissato la massa dei neutrini a non più grande di 0.28 elettro volt, che è meno di un miliardesimo della massa di un solo atomo di idrogeno. Questa è ad oggi una delle più precise misurazioni della massa del neutrino.
Continua a leggere...


Simulato il suono del bosone di Higgs e altre particelle

LHC, particelle subatomiche, Atlas
parte del Atlas,uno dei rilevatori di particelle del LHC

Se i fisici delle particelle mai trovassero il bosone di Higgs, potrebbero farlo sentendolo piuttosto, o oltre, a vederlo. I diversi suoni che le particelle fanno possono dare ai fisici un altro modo per analizzarli, spiegano un team di fisici che lavorano sulla sonificazione,che sarebbe il processo di convertire dati in suoni.
Parzialmente per ricerca, e parzialmente per attirare il pubblico, gli scienziati hanno simulato i suoni che il bosone di Higgs e altre particelle subatomiche potrebbero fare al LHC(Large Hadron Collider).
Continua a leggere...


Fermilab: 5 Bosoni di Higgs e Asimmetria Materia-Antimateria

Higgs, Bosone di Higgs, Bosoni di Higgs, 5 Bosoni Higgs, Tevatron, asimmetria, materia , antimateria, modello standard, muoni, tau, LHC, CERN, Fermilab
Il rilevatore DZero, del Tevatron Collider, al Fermilab

Cercando di spiegare perché nell'Universo c'è più materia che antimateria, un trio di fisici teorici del Fermilab hanno dichiarato di aver ottenuto risultati che indicano una forte violazione della simmetria materia-antimateria. Tra queste nuove scoperte ci sono alcune che si potrebbero spiegare con l'esistenza di diversi tipi di bosoni di Higgs.
Continua a leggere...


Plasma di Quark e Gluoni, ed esperimenti per studiarli

MIT, quark, gluoni, plasma di quark e gluoni, RHIC, acceleratore di particelle
visualizzazione di una delle prime collisioni a piena energia, tra ioni d'oro, al Relativistic Heavy Ion Collider di Brookhaven.

Per qualche milionesimo di secondo dopo il Big Bang, l'universo consisteva in una calda "zuppa" di particelle elementari chiamati quark e gluoni. Qualche microsecondo dopo, queste particelle hanno iniziato a raffreddarsi per formare i protoni ed i neutroni, i mattoni con cui costruire la materia.
Per tutto il passato decennio, i fisici intorno al mondo hanno cercato in tutti i modi di ricreare quella "zuppa", conosciuta come Plasma di Quark e Gluoni, facendo collidere nuclei atomici con abbastanza energia da produrre temperature di trilioni di gradi.
Continua a leggere...


Osservata velocità istantanea di particelle browniane

frammento di vetro di soli 5 micron di diametro, sollevato nell'aria da laser da sotto. Questa trappola ottica è formata dall'equilibrio tra le forze del laser e la forza di gravità.

Un secolo dopo che Albert Einstein aveva detto che non saremmo mai in grado di osservare la velocità istantanea in minuscole particelle mentre si agitano in maniera random, quello che poi viene chiamato il moto Browniano, un fisico di nome Mark Raizen insieme al suo gruppo sono riusciti incredibilmente a ottenere proprio questo.
Continua a leggere...