Juno Ritarda il Prossimo Passo della Missione

Illustrazione d'artista che mostra Juno durante un passaggio ravvicinato sopra Giove. Credit: NASA/JPL-Caltech
Illustrazione d'artista che mostra Juno durante un passaggio ravvicinato sopra Giove. Credit: NASA/JPL-Caltech

Piccolo cambio di programma per la missione Juno: i responsabili della missione hanno deciso di posticipare di almeno un'orbita la prossima accelerazione della sonda da parte del suo motore principale, inizialmente prevista per il 19 ottobre.
Continua a leggere...


Nuova Mappa in Radio Svela il Lato Nascosto di Giove

Immagine radio, media di 10 ore di lavoro del VLA, composta da tre diverse lunghezze d'onda: 2 cm in blu, 3 cm in oro e 6 cm in rosso. La regione rosata intorno al pianeta è generata dalla radiazione di sincrotone, dovuta agli elettroni che spiraleggiano intrappolati dal campo magnetico di Giove. Credit: Imke de Pater, Michael H. Wong (UC Berkeley), Robert J. Sault (Univ. Melbourne)
Immagine radio, media di 10 ore di lavoro del VLA, composta da tre diverse lunghezze d'onda: 2 cm in blu, 3 cm in oro e 6 cm in rosso. La regione rosata intorno al pianeta è generata dalla radiazione di sincrotone, dovuta agli elettroni che spiraleggiano intrappolati dal campo magnetico di Giove. La risoluzione permette di valutare i dettagli delle nubi tra i 30 ed i 90 km di profondità. Credit: Imke de Pater, Michael H. Wong (UC Berkeley), Robert J. Sault (Univ. Melbourne)

Al di là della superficie coperta da nubi colorate, l'atmosfera di Giove è stata sondata nella banda radio rivelando il movimento delle correnti di grandi masse di gas di ammoniaca in quella che a tutti gli effetti si è classificata come la mappa più dettagliata mai prodotta per il pianeta.
Continua a leggere...


Juno Batte il Record di Alimentazione ad Energia Solare a Distanza

Lanciata nel 2011, Juno arriverà nel sistema di Giove il prossimo 4 luglio, sfiorando lo strato esterno di nubi a 5000 km. Credits: NASA/JPL-Caltech/
Lanciata nel 2011, Juno arriverà nel sistema di Giove il prossimo 4 luglio, sfiorando lo strato esterno di nubi a 5000 km. Credits: NASA/JPL-Caltech/

La missione della NASA Juno, diretta verso Giove, ha battuto un particolare record: è diventata la sonda arrivata più lontano grazie all'alimentazione ad energia solare. Questa nuova pietra miliare è stata piantata appena tre giorni fa, il 13 gennaio, quando Juno si trovava alla notevole distanza di 793 milioni di km dal sole.
Continua a leggere...


Osservazioni di Hubble Suggeriscono la Presenza di un Oceano su Ganimede

Riprese delle aurore di Ganimede (qui colorate in blu), dello Hubble Space Telescope. Tramite il loro comportamento (dovuto all'interazione del campo magnetico del pianeta con quello di Giove) è stato possibile risalire alla presenza di un oceano salato sotto la sua superficie. Credit: NASA/ESA
Riprese delle aurore di Ganimede (qui colorate in blu), dello Hubble Space Telescope. Attraverso il loro comportamento (dovuto all'interazione del campo magnetico del pianeta con quello di Giove) è stato possibile risalire alla presenza di un oceano salato sotto la sua superficie. Credit: NASA/ESA

Ganimede è un satellite alquanto particolare: orbitante intorno a Giove, è la luna più grande del Sistema Solare e l'unica a possedere un campo magnetico proprio che, interagendo anche quello di Giove, dà vita a fenomeni aurorali. Ma c'è di più!

Proprio le aurore, osservate dal telescopio spaziale Hubble, hanno permesso di fare una scoperta del tutto unica: si registra infatti la presenza di un immenso oceano di acqua salata al di sotto della superficie della luna.
Continua a leggere...


Hubble: Ombra di Ganimede sull'Occhio di Giove

Ombra della luna Ganimede ripresa davanti alla Grande Macchia Rossa durante il transito visto dal Hubble Space Telescope. Credit: NASA/ESA
Ombra della luna Ganimede davanti alla Grande Macchia Rossa durante il transito. Foto di Hubble Space Telescope. Credit: NASA/ESA

Pochi giorni fa la più grande delle lune del Sistema Solare è passata tra noi e la più grande tempesta, sul più grande dei pianeti! Ed Hubble Space Telescope era lì per vedere lo spettacolo. L'immagine è incentrata su Giove in modo da catturare principalmente l'ombra della luna, che sembra una pupilla all'interno dell'occhio della tempesta!
Continua a leggere...


Hubble: Giove sotto la Lente per Impatto e Striscia Mancante

Giove, Impatto Giove, Scomparsa Striscia Giove,
Osservazioni dettagliate fatte dal Hubble hanno mostrato che il flash di luce osservato era un meteorite. Qui sopra invece si intravedono parti della cintura scomparsa sotto le nubi di ammoniaca

Ultimamente Giove ci ha fornito un po di nuovi misteri freschi freschi su cui indagare. Dopo la misteriosa sparizione di una cintura equatoriale di nuvole, e dopo un impatto che non ha lasciato alcuna traccia dietro di se, gli astronomi hanno deciso che era l'ora di tirare fuori le armi pesanti. Cosi ecco le nuove osservazioni del Hubble, molto dettagliate che offrono alcuni approfondimenti e chiarimenti su questi recenti fenomeni.
Continua a leggere...


Nuovo Impatto Asteroide su Giove

Immagine in alta risoluzione a colori, dell'impatto su Giove, avvenuto il 3 Giugno 2010. Credit: Anthony Wesley.

Che incredibile coincidenza, proprio l'altro ieri il team di Hubble ha rilasciato una nuova analisi con foto dettagliate in alta risoluzione del impatto su Giove del 2009. Nello stesso giorno, lo stesso astronomo amatoriale che la catturo allora, ha catturato un nuovo impatto!! Avvenuto il 3 giugno, verso le 20.30 UT. Anthony Wesley dall'Australia, ha catturato il flash di un impatto, catturato e confermato pure da Christopher Go, delle Filippine. Sia Go che Wesley hanno ripreso l'avvenimento in video.
Continua a leggere...


SOFIA apre gli occhi e li rivolge a Giove


SOFIA,il telescopio volante, ha finalmente aperto gli occhi sul cielo, impressionando positivamente gli astronomi di tutto il mondo,che non vedo l'ora di mettere le mani sui nuovi dati raccolti da uno dei più spettacolari e importanti nuovi osservatori spaziali. il Stratospheric Observatory for Infrared Astronomy, è un progetto congiunto tra NASA e il Centro Aerospaziale della Germania. Il nuovo osservatorio usa un Boeing 747 per portare un telescopio riflettore con uno specchio da ben 2.5 metri. "Con questo volo, SOFIA inizia un viaggio di 20 anni che permetterà un enorme spettro di osservazioni astronomiche che non sono altrimenti possibili ne dalla Terra ne con osservatori spaziali." ha dichiarato Jon Morse, direttore della divisione di astrofisica per le missioni scientifiche della NASA. "SOFIA ci fornirà osservazioni in una qualità straordinaria, in linea con gli enormi telescopi della nuova generazioni che vengono attualmente costruiti in tutto il mondo.(E-ELT,Magellan,LBT...)
Continua a leggere...


Ossigeno nei oceani di Europa

Europa mentre sorge sopra Giove. Immagine ripresa dalla sonda New Horizons, durante il suo passaggio intorno a Giove, il 28 Febbraio 2007, nel suo lungo viaggio che la porterà a visitare Plutone nel 2015. Credit: Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/SWRI
Europa, la luna di Giove, è uno dei posti più importanti per gli astrobiologi e scienziati di tutto il mondo, ed attualmente è anche il mondo più probabile dove trovare vita nel Sistema Solare oltre alla Terra. Gli scienziati sanno che su Europa esiste un enorme oceano di acqua salata, e a lungo si sono chiesti se questo fosse in grado di ospitare forme di vita. Adesso da un gruppo di scienziati arriva una teoria secondo cui Europa ha abbastanza ossigeno a disposizione da permettere l'esistenza di oceani pienissimi di forme di vita.
Continua a leggere...