VLT: Analizzata la prima Luce Diretta di un Esopianeta

la giovanissima e luminosissima stella HR 8799 , con accanto uno dei tre pianeti conosciuti che la orbitano

Studiando un sistema planetario per tanti versi simile a quello nostro , un gruppo di astronomi sono riusciti a ottenere il primo spettro diretto( l'impronta digitale chimica ) di un pianeta che orbita attorno a una stella distante , portando così a nuove informazioni sulla formazione e sulla composizione del pianeta. Questo risultato rappresenta una pietra miliare nella ricerca della vita in altre parti dell'Universo.
Continua a leggere...


Osservata Polvere da Collisione tra Esopianeti


Settimana scorsa , durante il 215-esimo convegno della American Astronomical Society , dei astronomi del università UCLA , hanno annunciato un eccitante scoperta nel campo dei esopianeti.
Si tratta di un disco di polvere calda, osservata intorno alla stella HD 131488, stella molto simile al nostro Sole. La polvere è evidenza di una collisione tra corpi planetari orbitanti la stella. Il mistero sta nel fatto che la polvere, non è di alcun tipo che abbiamo finora conosciuto. Di solito in altri sistemi osservati , e in generale anche nel nostro sistema solare , e sulla Terra , la polvere è principalmente di varietà conosciute come i silicati , olivina , o pirosseno , ma questa polvere non rientra in alcuna categoria conosciuta .
Continua a leggere...


NASA Cerca di Scoprire se Phoenix è Ancora Vivo


Phoenix Mars Lander è una sonda automatica sviluppata dalla NASA per l'esplorazione della zona polare di Marte. La missione scientifica della sonda era studiare l'ambiente polare marziano per verificarne la possibilità di sostenere forme di vita microbiche e per studiare l'eventuale presenza di acqua nell'ambiente.
La sonda era costruita per sopravvivere soltanto per la durata di 3 mesi , perché essendo vicino al polo nord , l'arrivo del inverno , che comportava freddo terribile e niente luce solare per ricaricare le batterie , avrebbe sicuramente portato alla inevitabile morte della sonda.
I risultati di Phoenix sono stati davvero sorprendenti ed è stato un grande successo, ha addirittura sorpreso tutti sopravvivendo per 2 mesi in più del previsto ma poi , a novembre del 2008 e caduto in silenzio .
Continua a leggere...


Macchie stellari su Betelgeuse


Un team internazionale di astronomi, ha ottenuto un'immagine senza precedenti, della superficie della supergigante rossa Betelgeuse , nella costellazione di Orione. Immagine che rivela la presenza di due giganti macchie solari, che coprono una grossa porzione della superficie della stella. La loro grandezza è al incirca l'equivalente della distanza Terra-Sole .
Queste osservazioni sono fondamentali perché sono la prima evidente prova a sostegno del esistenza del fenomeno di convezione,(cioè il trasporto del calore,muovendo la materia) in una stella diversa dal Sole, ancora meglio in questo caso perché aiuta a capire meglio il funzionamento di una supergigante rossa.

Continua a leggere...


Eccitanti scoperte riguardo ad Encelado

Immagine di Encelado in contrasto più alto per far notare tutte le marcate prove dell'attività tettonica passata. Credit: NASA
Fino a poco tempo fa , molto poco si sapeva di questa piccola luna , fu visitata dalle missioni Voyager , ma nessuno notò niente di particolare , per di più si pensava che fosse soltanto un mondo piccolo è ghiacciato , con forse qualche remota attività geologica , durante la sua nascita .
Ma dopo le foto fatte da vicino , in alta risoluzione , dalla sonda Cassini , in orbita intorno a Saturno , Encelado si è mostrato come uno dei posti più intriganti nel Sistema Solare, con non solo geyser di acqua in superficie , ma anche zone che agli infrarossi si sono mostrate molto più calde del previsto e rispetto ad altre parti del pianeta . La stessa superficie , senza tantissimi e grossi impatti meteorici ,si dimostra abbastanza giovane .

Nei giorni scorsi , è stata pubblicata , nella pagina online di Nature Geoscience , una ricerca di Craig O'Neill e Francis Nimmo , due scienziati planetari che hanno prodotto dei modelli computerizzati per analizzare e fare simulazioni dei dati di Cassini , su Encelado , riuscendo forse a trovare la risposta ad una apparente contraddizione cosmica.
Continua a leggere...


WISE apre gli occhi per la prima volta

Primissima immagine del telescopio spaziale ad infrarossi WISE, della NASA. SI tratta di un panorama di una zona interna alla Nebulosa della Carina. La stella brillante che vedete è V482 Car.  Credit: NASA/JPL
Lanciato il 14 dicembre scorso , WISE mapperà il cielo per milioni di oggetti nascosti, dai asteroidi, alle stelle "mancate", fino a galassie enormi .
I dati ricavati dalle osservazioni di WISE, servirono come carte di navigazione e orientamento per altre missioni, come Hubble Space Telescope, o Spitzer Space Telescope, puntandoli cosi verso i target più interessanti .
Continua a leggere...


Formazione planetaria osservata intorno a Stelle Massicce

artist concept pianeta intorno stella massiccia
Un team di astronomi della Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics ( CfA ) e la National Optical Astronomy Observatory ( NOAO ), ha esaminato una regione di gas e polvere intrigante per la sua intensa formazione stellare, chiamata W5, a circa 6.500 anni luce, nella costellazione di Cassiopea. Per lo studio è stato usato il telescopio spaziale Spitzer della NASA ,insieme al terrestre 2MASS (2 micron All-Sky Survey) per cercare segni di dischi di polvere proto planetaria. Lo studio andava alla caccia dei primi segni di formazione planetaria intorno a 500 stelle massicce del tipo spettrale A e B , che di solito variano tra 2 e 15 volte la dimensione del Sole.
Continua a leggere...


Indizi su Laghi Recenti di Acqua su Marte

Segni di un antico canale che forse univa due laghi su Marte. Foto della camera CTX a bordo del Mars Reconnaissance Orbiter. Credit: NASA/JPL
Marte come la conosciamo oggi è un posto frigido e asciutto, ma nuove prove suggeriscono che in alcuni posti al equatore , potrebbero esserci stati dei laghi d'acqua fino a soli 3 miliardi di anni fa .
Questo studio è frutto del lavoro di ricercatori del Università di Londra e del Collegio Imperiale di Londra ,che hanno studiato le foto fatte con la fotocamera CTX, a bordo del Mars Reconnaissance Orbiter ( MRO ), e tante altre foto di depressioni nella regione di Ares Vallis, vicino al equatore marziano .
Precedentemente, si pensava che queste depressioni fossero il frutto di colassi della superficie, quando il ghiaccio sotto si evapora direttamente in gas. ma le nuove immagini , mostrano canali che connettono le varie depressioni tra di loro. suggerendo cosi che un tempo l'acqua le riempiva . Strutture simili possono essere viste anche in Alaska, e altrove, con il permafrost che si scioglie e crea canali e laghi.
Continua a leggere...


Scoperta una nuova supernova ad antimateria

nella foto a destra potete vedere come al centro compare la supernova, che nella foto a sinistra , di un anno prima , non si vede.

Dopo 40 anni di supposizioni teoriche circa la possibilità che questo tipo di supernove esistesse veramente, a dicembre dell'anno scorso abbiamo avuto la conferma della prima scoperta, ed adesso abbiamo la riconferma con una nuova ancor più dettagliata scoperta.
Si tratta della stella Y-155, che ha causato un esplosione di una luminosità ed intensità che supera persino le famose supernove di tipo Ia.
Continua a leggere...


Scoperto il secondo più piccolo esopianeta di sempre


Durante la 215-esima riunione dei membri della American Astronomical Society, a Washington, è stata presentata la scoperta del secondo per ora più piccolo esopianeta mai scoperto.
La scoperta è stata fatta con la lente da 10 metri del Keck Observatory nelle Hawaii, e si tratta di un pianeta che ha soltanto 4.15 volte la massa terrestre. Orbita attorno alla sua stella in soltanto 4 giorni terrestri e si trova a 80 anni luce da noi, nella direzione della costellazione di Ercole. Il pianeta ha il nome, poco poetico, di HD156668b
Questa scoperta si aggiunge alla sempre più crescente categoria di super-terre, che vengono trovate ultimamente .

Continua a leggere...