Spazio all'Immaginazione, 3° Edizione, Sezione Racconti Brevi: "Senza battere ciglio" di Marzia

Credit: Gzuez
Credit: Gzuez

Senza battere ciglio

Marzia

Non aveva idea di dove fosse, sapeva soltanto che era stato catturato e sedato dagli Invasori ed era stato trasportato in un luogo tra il cielo e le stelle, nello spazio, ed ora era lì: in piedi al centro di una stanza scura e vuota che dava uno sguardo all’infinita immensità della galassia.
Una quantità indefinita di cavi neri lo avviluppavano, legandolo in qualche modo alla stanza in cui era presente; notò che alcune estremità di quei cordoni penetravano nella pelle del suo braccio e, poiché era impossibilitato a muoversi, poté solo supporre che egli non fosse connesso tramite quei cavi soltanto attraverso le sue braccia.
Fu molto stupito dal constatare che non soffriva né pativa dolore, forse merito dei sedativi; l'unica cosa che provava di certo era un enorme senso di disgusto e rabbia.
Lentamente si sentì svenire, perse le forze e chiuse gli occhi.
Continua a leggere...


Spazio all'Immaginazione, 3° Edizione, Sezione Racconti Brevi: "ORIGINI" di Davide Montani

ORIGINI_credit_none

ORIGINI

Davide Montani

Marte - Anno 2065 – Sol 21
Le principali società di estrazione mineraria e le Agenzie Spaziali del pianeta Terra si sono unite per
realizzare un progetto di estrazione massiva di risorse da Marte e Luna, con l’obbiettivo secondario
di sezionare le superfici dei due pianeti a scopi di ricerca.

“Centro Strat 1, mi ricevete? Qui è il Comandante Roy Stemper dell’Orion Cargo VIII, abbiamo appena completato l’ingresso in orbita Marziana, stiamo procedendo all’ingresso in LMO (Low Martian Orbit) dove i ragazzi si staccheranno dal modulo di viaggio per procedere all’ingresso nell’atmosfera. Continua a leggere...


Spazio all'Immaginazione, 3° Edizione, Sezione Racconti Brevi: "Nella fredda solitudine del cosmo" di Giovanni Perini

Credit: JPL/Caltech
Credit: JPL/Caltech

Nella fredda solitudine del cosmo

Giovanni Perini

 

Ciao, sapiens!

Nei mesi scorsi ho fatto un flyby del vostro sole. Ho ascoltato ciò che dicevate, letto i vostri scritti, imparato le lingue. Ho visto che avete mandato una piccola sonda ad appoggiarsi su una cometa ed un’altra a studiare l’oggetto che chiamate Plutone. Centrare un sasso che si muove a cinque miliardi di chilometri di distanza non è impresa banale, state diventando bravini.
Continua a leggere...


Spazio all'Immaginazione, 3° Edizione, Sezione Racconti Brevi: "Il cielo è muto al richiamo dei suoi figli" di Intro

Il_cielo_è_muto_al_richiamo_dei_suoi_figli_credit_none

Il cielo è muto al richiamo dei suoi figli

Intro

 

Il profilo severo delle formazioni rocciose all'orizzonte mi restituiva una vaga sensazione di familiarità; quei picchi affilati dal vento, la bocca impastata di polvere, un sole rosso e freddo che torreggiava sulla piana riarsa. Sollevai d’istinto le braccia al cielo e tesi le mani verso le poche stelle visibili, come farebbe un bimbo verso la madre. Nessuno afferrò le mie mani. Il cielo è muto al richiamo dei suoi figli.
Il terreno reagì ai miei passi brevi cominciando ad avvinghiarsi alle caviglie e salendo poi verso il tronco in lacci di materia vischiosa. Tutta questa piana, questo stesso mondo cercava di trascinarmi a sé, di inghiottirmi. In un’ultima contrazione della schiena e delle spalle, mi piegai ancora una volta verso il cielo e pregai che mi prendesse con sé. L’abisso fu inesorabile.
Continua a leggere...


Spazio all'Immaginazione, 3° Edizione, Sezione Racconti Brevi: "Diario di Viaggio per futuri Viaggiatori" di Pikazzo

purple nebula and cosmic dust in star field
purple nebula and cosmic dust in star field

Diario di Viaggio per futuri Viaggiatori

Pikazzo

 

Esiste qualcosa che non ha tempo né spazio, esiste qualcosa che non sottostà alle dimensioni, quello sei tu, con il tuo animo e il tuo bagaglio ricolmo di esperienze, di immagini, sapori, tu e il tuo sguardo, tu sei indissolubile, comprendilo, impara ad amarti e l'universo amerà te.
Continua a leggere...


Spazio all'Immaginazione, 3° Edizione, Sezione Racconti Brevi: "Lacus Somniorum" di Antonio Viscusi

IDL TIFF file
Credit: Astro Foro/IDL TIFF

Lacus Somniorum

Antonio Viscusi

 

Osserva. Parti da quello che più ti è vicino.
Il cielo è davvero del colore che arriva ai tuoi occhi? Sei sicuro che quello che vedi non sia solo una piccola parte di tutto ciò che ti sovrasta? Cosa ti fa pensare che sia sempre stato così? Ipotizzalo invece in cambiamento, immagina un cielo più oscuro della notte più buia nella storia del mondo. Il cielo sarebbe potuto essere così, ma a te appare pieno di vita e possibilità. Perché? Continua a leggere...


Rosetta: Addio a Philae e Preludio alla Fine della Missione

Credit: ESA
Credit: ESA

A partire da oggi, 27 luglio 2016, il direttore della missione Rosetta ha chiuso definitivamente ogni collegamento tra la sonda, in orbita intorno alla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, ed il piccolo lander Philae in superficie, ormai silenzioso dal 9 luglio 2015. Questo è il preludio alla fine della missione, che sarà conclusa a settembre con lo schianto di Rosetta sul suolo cometario.
Continua a leggere...


Onde Gravitazionali da una Nuova Collisione di Buchi Neri Individuate da LIGO

Onde gravitazionali dall'evento GW151226 individuate dagli strumenti di LIGO di Hanford (a sinistra) e di Livingstone (a destra). Le immagini mostrano l'ultimo secondo di riprese prima della fusione definitiva tra i due buchi neri, che aumenta man mano che questi si avvicinavano l'uno all'altro. Credit: B. P. Abbott et al. (LIGO Scientific Collaboration and Virgo Collaboration)
Onde gravitazionali dall'evento GW151226 individuate dagli strumenti di LIGO di Hanford (a sinistra) e di Livingstone (a destra). Le immagini mostrano l'ultimo secondo di riprese prima della fusione definitiva tra i due buchi neri, che aumenta man mano che questi si avvicinavano l'uno all'altro. Credit: B. P. Abbott et al. (LIGO Scientific Collaboration and Virgo Collaboration)

Dopo il grandioso successo del 14 settembre 2015, quando per la prima volta le onde gravitazionali generate dalla fusione di due buchi neri sono state osservate, un altro sistema binario di buchi neri si è fatto vivo attraverso l'impianto dell'Advanced Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory (LIGO), che ha potuto osservare la loro collisione il 26 dicembre 2015, alle ore 03:38:53 UTC.
Continua a leggere...