Fermi e WISE Unite nel Rivelare una Nuova Caratteristica per Identificare Nuovi Blazar

Illustrazione artistica di un buco nero supermassivo in attività, con l'emissione di un blazar. Credits: M. Weiss/CfA
Illustrazione artistica di un buco nero supermassivo in attività, con l'emissione di un blazar. Credits: M. Weiss/CfA

Studiando galassie distanti, al cui centro sono collocati dei mostruosi buchi neri attivi, gli astronomi hanno da poco fatto una scoperta molto interessante: la radiazione emessa dal materiale che viene inghiottito mostra un collegamento inusuale tra due particolari regioni dello spettro, medio infrarosso e raggi gamma.
Continua a leggere...


Scoperto Nuovo Pianeta Roccioso Nella Fascia di Abitabilità Della Stella più Vicina al Sole

Illustrazione artistica che mostra come potrebbe apparire la superficie di Proxima b, pianeta roccioso simile alla Terra che orbita intorno a Proxima Centauri, la stella più vicina al nostro Sole. Credits: ESO/M. Kornmesser
Illustrazione artistica che mostra come potrebbe apparire la superficie di Proxima b, pianeta roccioso simile alla Terra che orbita intorno a Proxima Centauri, la stella più vicina al nostro Sole. Credits: ESO/M. Kornmesser

Un pianeta roccioso, di dimensioni simili a quelle della Terra, è stato identificato all’interno della fascia di abitabilità di Proxima Centauri, la stella più vicina al nostro Sole. La scoperta appartiene ad un team di astronomi che ha sfruttato le riprese del telescopio di 3.6 metri dello European Southern Observatory a La Silla (Cile), comparando le immagini con altri telescopi sparsi per il globo.
Continua a leggere...


NASA Recupera i Contatti con STEREO-B Dopo un Silenzio di Quasi Due Anni

Illustrazione artistica dell'osservatorio spaziale STEREO-B, in orbita intorno al Sole. Credit: NASA
Illustrazione artistica dell'osservatorio spaziale STEREO-B, in orbita intorno al Sole. Credit: NASA

Dal 1 ottobre 2014 tutte le comunicazioni con l’osservatorio spaziale STEREO-B della NASA si soo state bruscamente interrotte: dopo 22 mesi di duro lavoro da parte del team della missione STEREO – di cui un mese intero utilizzato per un’operazione di recupero tramite il Deep Space Network che traccia e comunica con le missioni in corso nello spazio – lo scorso 22 agosto uno dei Solar Terrestrial Relations Observatories è riuscito a riallacciare nuovamente i contatti con la sonda.

Continua a leggere...


Nuovo Studio Smentisce Parte dei Modelli sull'Evoluzione delle Molecole Organiche nello Spazio

Immagine della nebulosa NGC 7023 realizzata con la combinazione dei dati a tre diverse lunghezze d'onda. In rosso e verde sono evidenziati i dati di SOFIA, in blu quelli di Spitzer. Credit: NASA/DLR/SOFIA/B. Croiset, Leiden Observatory, and O. Berné, CNRS; NASA/JPL-Caltech/Spitzer
Immagine della nebulosa NGC 7023 realizzata con la combinazione dei dati a tre diverse lunghezze d'onda. In rosso e verde sono evidenziati i dati di SOFIA, in blu quelli di Spitzer. Credit: NASA/DLR/SOFIA/B. Croiset, Leiden Observatory, and O. Berné, CNRS; NASA/JPL-Caltech/Spitzer

Fino a pochissimo tempo fa alcuni modelli – utili a descrivere l’evoluzione dei materiali organici, i mattoncini base per la vita – si basavano sul fatto che la radiazione di una stella giovane e molto massiva spezza le grandi molecole organiche in altre più piccole, anziché aiutare la loro formazione: nuovi dati sperimentali mostrano invece che avviene l’esatto contrario.

Continua a leggere...


Gli Astronauti della NASA Williams e Rubins si Preparano per l'Istallazione di un Nuovo Porto Spaziale

L'ingegnere di volo Kate Rubins e il comandante della Expedition 48 Jeff Williams in posa davanti alle tute spaziali che indosseranno per la lunga operazione di collegamento del nuovo porto spaziale sulla ISS. Credit: NASA
L'ingegnere di volo Kate Rubins e il comandante della Expedition 48 Jeff Williams in posa davanti alle tute spaziali che indosseranno per la lunga operazione di collegamento del nuovo porto spaziale sulla ISS. Credit: NASA

Il comandante della Expedition 48 Jeff Williams e l’ingeniere di bordo Kate Rubins, entrambi astronauti della NASA, si stanno ora preparando per uscire dalla Stazione Spaziale Internazionale, in una lunga passeggiata nello spazio che durerà ben sei ore.
Continua a leggere...


Nuove Ipotesi e Nuove Ricerche della Missione Fermi sulla Natura della Materia Oscura

http://www.nasa.gov/sites/default/files/thumbnails/image/smc_dm_split.jpg
Immagine della Piccola Nube di Magellano sulla quale è stata sovrapposta (a destra) la probabile distribuzione di materia oscura al suo interno. Circa il 90% della materia oscura presente in totale è contenuta entro i limiti del semicerchio calcolato. Credits: Dark matter, R. Caputo et al. 2016; background, Axel Mellinger, Central Michigan University

La materia oscura – e l’energia oscura – sono attualmente annoverate tra i più grandi rompicapo della scienza. Tuttavia, esperimenti condotti sia a terra che nello spazio hanno permesso di decifrare nuovi indizi, portando gli scienziati a formulare delle teorie innovative, specialmente per quanto riguarda la materia oscura, che interagendo unicamente (o quasi) attraverso la gravità e non assorbendo né emettendo luce non fornisce alcuna indicazione su quale sia la sua natura (nonostante costituisca l’80% della materia presente nell’Universo).

Continua a leggere...


Sguardo al Sito di Atterraggio per il Modulo Schiaparelli

Sito di atterraggio del modulo Schiaparelli della missione ExoMars 2016 presso il Meridiani Planum, in un mosaico della High Resolution Stereo Camera, montato con riprese del 23, 26 e 29 agosto 2005 e 1 agosto 2010. Credit: ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO
Sito di atterraggio del modulo Schiaparelli della missione ExoMars 2016 presso il Meridiani Planum, in un mosaico della High Resolution Stereo Camera, montato con riprese del 23, 26 e 29 agosto 2005 e 1 agosto 2010. Credit: ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO

La missione ExoMars 2016, realizzata nell’ambito di una collaborazione tra l’ESA e la Roscosmos e partita da Baikonur il 14 marzo 2016, arriverà proprio questo ottobre al suo incontro con Marte. In previsione di questo evento, il modulo Schiaparelli ha tracciato i confini della regione sulla quale effettuerà il suo atterraggio.
Continua a leggere...


Cassini ed i Canali di Titano Ricchi di Idrocarburi Liquidi

Per scoprire il flusso di liquidi all'interno dei canyon su Titano, Cassini ha inviato onde radio a terra raccogliendo dati sull'altezza delle strutture geologiche presenti. In alto a sinistra è situata la rete di canali Vid Flumina, sulla quale lo studio si è concentrato. Credit: NASA/JPL-Caltech/ASI
Per scoprire il flusso di liquidi all'interno dei canyon su Titano, Cassini ha inviato onde radio a terra raccogliendo dati sull'altezza delle strutture geologiche presenti. In alto a sinistra è situata la rete di canali Vid Flumina, sulla quale lo studio si è concentrato. Credit: NASA/JPL-Caltech/ASI

La prima prova diretta dell’esistenza di canali in cui scorrono liquidi su Titano – luna di Saturno – è finalmente arrivata con l’ultima scoperta da parte della sonda Cassini della NASA, che ha individuato non solo canyon inondati da idrocarburi liquidi, ma ha evidenziato anche la loro profondità (qualche centinaio di metri), mai osservata in altre strutture sulla superficie del pianeta.
Continua a leggere...


Primi Test Ambientali per il Mini Satellite Dellingr

CubeSat Dellingr, presso il Goddard Space Flight Center. Credit: NASA's Goddard Space Flight Center/Bill Hrybyk
CubeSat Dellingr, presso il Goddard Space Flight Center. Credit: NASA's Goddard Space Flight Center/Bill Hrybyk

Al CubeSat Dellingr è stato affidato un incarico importante: questo satellite in miniatura costruito dalla NASA studierà la ionosfera, regione più esterna dell’atmosfera terrestre ricca di particelle cariche, ionizzate dalla radiazione solare e dalla precipitazione di particelle dalla magnetosfera.

Continua a leggere...


Mars Rover: Guida Insieme alla NASA il tuo Rover Personale su Marte

Logo ufficiale del nuovo gioco Mars Rover, in cui è possibile guidare un rover sulla superficie di Marte e svolgere moltissime attività scientifiche. Credit: NASA/JPL-Caltech/GAMEE
Logo ufficiale del nuovo gioco Mars Rover, in cui è possibile guidare un rover sulla superficie di Marte e svolgere moltissime attività scientifiche. Credit: NASA/JPL-Caltech/GAMEE

La NASA, in occasione del quarto compleanno di Curiosity sulla superficie marziana (calcolato in anni terrestri), ha dato il via ai festeggiamenti in una maniera del tutto singolare: i giocatori di tutto il mondo hanno avuto la possibilità di esplorare il suolo marziano tramite un nuovo gioco sui social media, chiamato Mars Rover e realizzato in collaborazione conla rete per game-players GAMEE.
Continua a leggere...