Contando i Crateri di Titano

immagine di Titano,osseravato dalla sonda Cassini, credito: NASA/JPL

Riuscire a determinare il numero di crateri presenti su Titano, potrebbe aiutare gli scienziati a capire l'età della luna, e il suo potenziale per la vita. A questo scopo, una nuova ricerca presentata sulla rivista Icarus, fornisce il più recente conteggio del numero totale di crateri d'impatto trovati finora sulla luna Titano.
Continua a leggere...


Encelado Rilascia Bollicine di Plasma

Scatto ravvicinato della superficie di Encelado che mette in evidenza i vari solchi da cui provengono i geyser. Credit: NASA/JPL/Cassini
Le osservazioni di come la luna di Saturno, Encelado, interagisce con il suo ambiente mostra che rilascia un complesso pattern di ondulazioni e bollicine nella sua scia. Sheila Kanani, ha presentato risultati della sua ricerca al RAS National Astronomy Meeting in Glasgow il 14 aprile. Encelado si trova dentro la magnetosfera di Saturno, che è piena di particelle caricate elettricamente(plasma) che provengono sia dal pianeta che dalle lune. La sonda Cassini ha effettuato 6 sorvoli della misteriosa luna Encelado sin dal suo arrivo nel 2005. Il più vicino di questo ha portato la sonda a soltanto 25 km dalla superficie di Encelado, che gli scienziati credono copra un vasto oceano. Correnti riscaldate al polo sud della luna rilasciano pennacchi di materiale, composto di granuli di ghiaccio e vapore acqueo, nello spazio.
Continua a leggere...


Encelado: calore e nuovi geyser scoperti

Scatto ravvicinato della superficie di Encelado che mette in evidenza i vari solchi da cui provengono i geyser. Credit: NASA/JPL/Cassini
Sono state da poco rilasciate nuove immagini di Encelado,che Cassini ha fatto nel suo flyby ravvicinato a novembre, e mostrano enormi getti d'acqua lungo tutta la regione conosciuta come:"le strisce della tigre",al polo sud della luna. Inoltre una nuova dettagliata mappa delle temperature, di una delle fratture che compongono le strisce di cui si parla,rileva temperature ben più alte di quanto ci si aspettava. "Encelado continua a sorprenderci"spiega Bob Pappalardo, a capo del programma Cassini presso il Jet Propulsion Laboratory."Con ogni flyby di Cassini, impariamo di più riguardo l'estrema attività che governa questa luna."
Continua a leggere...


Nuovi segni di acqua liquida su Encelado

Primo piano ravvicinato dei geyser al polo sud di Encelado. Credit: NASA/JPL/Cassini
Gli scienziati che lavorano alla missione Cassini(l'orbiter intorno a Saturno) hanno scoperto ioni di acqua caricati negativamente nei pennacchi di vapore d'acqua ghiacciata dei geyser su Encelado. Le scoperte si basano su approfondite analisi fatte sui dati presi dai passaggi in mezzo a quei pennacchi fatti da Cassini nel 2008.
Oltre alla scoperta dell'acqua allo stato liquido, la ricerca pubblicata nel giornale scientifico Icarus, parla anche dei dati raccolti dal spettrometro per l'analisi del plasma, che ha scoperto diverse specie di ioni caricati negativamente, oltre a quelli dell'acqua, tra cui anche dei idrocarburi.
Continua a leggere...


La missione Cassini è stata estesa fino al 2017

Saturno Cassini 2
Con il nuovo budget finanziario, la NASA si è trovata ad avere più soldi per le missioni e attività spaziali, cosi è stato deciso di prolungare la missione di Cassini,dell'esplorazione di Saturno e le sue lune, fino al 2017."Questa missione non smette mai di fornirci con risultati scientifici sorprendenti e foto straordinarie."ha dichiarato Jim Green, direttore della divisione per le scienze planetarie,della NASA. "Le foto e scoperte fatte da Cassini hanno letteralmente rivoluzionato la nostra conoscenza di Saturno e le sue lune." Questo è già il secondo prolungamento che ha Cassini, e la nuova "missione solstizio" permetterà agli scienziati di studiare i cambi a lungo termine dell'atmosfera di Saturno insieme ai cambiamenti tra una stagione e l'altra.
Continua a leggere...


Scoperta la composizione degli aloni nei cerchi di Saturno

foto di Cassini, che mostra gli aloni presenti nel anello B di Saturno

L'origine degli aloni presenti nell'anello B di Saturno,è uno dei più enigmatici misteri che circondano Saturno. Ma forse abbiamo un importante indizio per cercare di capire la loro formazione. Le nuove misurazioni arrivate dal spettrometro a infrarossi di Cassini, suggeriscono che questi aloni che avvolte si vedono, sono interamente composto di ghiaccio di acqua.
Continua a leggere...


Formazioni strane sulla superficie di Titano

immagine radar ottenuta dalla sonda Cassini, si notano due strutture simili a piccole montange coperte da incavi e righe

Dai ultimi dati provenienti dalla sonda Cassini, sono venute fuori alcune foto radar che mostrano strutture che non si sono mai viste finora sulla superficie del satellite saturniano. Ci sono dei strani pattern radiali e lunghi incavi e righe che scendono su piccole montagne.
Queste strutture, si trovano nel emisfero nord, nella regione chiamata Belet, sono larghe circa 80 km , e alte poco più di 60 metri.
Continua a leggere...


Titano a 5 anni dall'atterraggio della sonda Huygens

Immagine di un riflesso speculare della luce solare nel lago Jingpo Lacus, su Titano. Credit: NASA
Titano, la luna più grande di Saturno, e la seconda più grande del sistema solare, è speciale per tanti motivi. Sia perché è l'unico satellite con un'atmosfera densa,o perché è l'avamposto più lontano dove l'umanità ha fatto atterrare qualcosa di suo, o anche perché è una Terra primordiale in miniatura. Nuove foto di Cassini, mostrano i laghi di metano ed etanolo presenti sulla superficie, come si pensa possa essere stato sulla Terra al inizio della sua storia.
La scorsa settimana inoltre si festeggiavano 5 anni da quando il lander Huygens, arrivato in copia con l'orbiter Cassini, atterrò sulla superficie di Titano.
Continua a leggere...


Rea, una luna con anelli?

concept artistico del sistema anellare di Rea

Tutti abbiamo sempre ammirato molto Saturno per il suo meraviglioso sistema di anelli, ma adesso sembra che non sia l'unico nel suo sistema che abbia questa caratteristica. I satelliti di Saturno si sono dimostrati, da quando è arrivata la sonda Cassini, uno più speciale dell'altro, ma nessuno si aspettava una luna con anelli .
Rea sarebbe il primo di questo tipo mai scoperto .

Continua a leggere...