Rosetta: L'acqua sulla Terra potrebbe non provenire dalle Comete!

Rosetta risultati acqua
Uno dei motivi per cui la missione Rosetta è sempre stata così eccitante perché sapevamo che avrebbe avuto il potenziale per sconvolgere la nostra comprensione delle comete e del loro ruolo nella storia della formazione dei pianeti (in particolare la Terra). Infatti, come previsto, i risultati sono incredibili e i primi esiti delle analisi dello strumento ROSINA lo attestano: abbiamo scoperto che l'acqua della cometa ha caratteristiche molto diverse da quella presente sulla Terra nei nostri oceani e laghi. Allora forse non sono state le comete a portare buona parte dell'acqua sul nostro pianeta, come si pensava! Questi risultati portano anche ad ulteriori domande sull'origine delle comete, la loro distribuzione e diversità, e ovviamente sull'origine dell'acqua sulla Terra.
Continua a leggere...


Curiosity: Nuove Foto e Scoperte sul Passato di Marte

Tramonto all'interno del Cratere Gale, ripreso il 4 Novembre dal rover Curiosity. Credit: NASA/JPL/MSSS
Tramonto visto dall'interno del Cratere Gale, ripreso il 4 Novembre dal rover Curiosity. Credit: NASA/JPL/MSSS

Sono arrivati i primi eccitanti risultati delle analisi chimiche effettuate dal rover Curiosity a Pahrump Hills, alle pendici del Monte Sharp. Le analisi mostrano una grande concentrazione di ematite, un minerale creato dall'ossidazione del ferro. Può non sembrare molto, ma le cose diventano intriganti quando lo si paragona alle passate analisi in altre zone del Cratere Gale. Precedentemente, Curiosity aveva trovato molta più magnetite che ematite, ma l'ematite è segno di un grado di ossidazione maggiore, e questo significa che i depositi presenti qui si sono formati in condizioni differenti, con più energia a disposizione, eventualmente, di ipotetiche forme di vita nel lago che una volta dominava la regione.
Continua a leggere...


5 Bellissimi Video di Reazioni Chimiche di Precipitazione

reazione chimica 3

Quando vediamo le formule chimiche scritte sul foglio o sulla lavagna, spesso è difficile rendersi conto della bellezza intrinseca di quelle reazioni. La chimica ha un fascino incredibile da questo punto di vista, ed il video creato da Yan Liang (L2Molecule.com) riesce davvero a trasmetterlo. Come spiega lei stessa, il video che vedete sotto mostra 5 diverse personalità di 5 diverse reazioni di precipitazione.
Continua a leggere...


Creati Composti Prebiotici con Atmosfera Simile a quella di Titano

Immagine ottenuta dalla sonda Cassini in orbita intorno a Saturno, il 15 ottobre 2007. Si vedono gli anelli A ed F di saturno, con la piccola luna Epimeteo sopra, e grande sullo sfondo Titano.

Un team di scienziati dell'Università di Arizona annuncia di essere riusciti ad ottenere le prime prove sperimentali che un atmosfera ricca in azoto può produrre grandi quantità di macromolecole organiche. La scoperta indica che tipo di molecole organiche potremmo trovare su Titano, la luna di Saturno, che gli scienziati guardano come un modello per la chimica prebiotica della Terra.
Continua a leggere...


Cassini si prepara a Tuffarsi nell'Atmosfera di Titano

Titano, NASA, Cassini, atmosfera, campo magnetico di Titano
concept di Cassini mentre si avvicina alla ionosfera di Titano

La sonda spaziale della NASA, Cassini, effettuerà il suo tuffo più profondo di sempre nell'atmosfera di Titano nella mattina del 21 giugno, 20 giugno ora Pacifica. Il sorvolo di questo fine settimana, che è il 71 essimo della missione(anche se è chiamato "T70), porterà Cassini 70 km più in basso nell'atmosfera di Titano, di quando non abbia mai fatto prima.
Continua a leggere...


Nuova Teoria per Spiegare il Metano e l'Assenza di Chimica Organica su Marte

Marte, Vita su Marte, Composti Organici su Marte, metano su Marte,astrobiologia
Immagine del lander Phoenix della NASA, vicino al Polo Nord di Marte, mentre analizzava del suolo

Continua la dura ricerca di prove riguardo alla presenza passata o attuale di vita su Marte.Una parte dei sforzi e dedicata alla ricerca di composti organici come proteine nel suolo Marziano, ma la loro assenza rimane un mistero. Nella rivista peer review "Astrobiology", viene presentata una nuova teoria per spiegare cosa succede alle molecole basate sul carbonio.
Continua a leggere...


Nuovo Sistema per Svelare la Vita su Marte

Cella a Combustibile Microbico, Microbi su Marte, Vita Extraterrestre, Alieni su Marte
Come si costruisce un esperimento che riesca a rilevare forme di vita extraterrestri esotiche, su altri pianeti? O meglio, in questo particolare caso, per un caso così intrigante ma difficile come la ricerca di vita su Marte? Un gruppo di fisici ha svelato un nuovo strumento che potrebbe riuscire a farlo e anche molto meglio di qualsiasi altro precedente.
Continua a leggere...


Vita su Titano sta consumando l'Idrogeno e l'Acetilene ?

un concept artistico che rappresenta un lago di metano con la nebbiosa atmosfera intorno ad esso

Due nuove ricerche basate sui dati della sonda Cassini indagano in profondità sull'attività chimica sulla superficie della luna di Saturno,Titano. E mentre nessuna chimica non-biologica offre una sola possibile spiegazione per le cose osservate, alcuni scienziati pensano che queste impronte chimiche sono un possibile argomento a favore dell'esistenza di forme di vita primitive ed esotiche, che vivrebbero quindi in abbondanza sulla superficie di Titano. Secondo una delle teorie spiegate dai astrobiologi, le impronte soddisfano due importanti condizioni necessarie per l'esistenza di una forma di vita "basata sul metano".
Continua a leggere...


Risolto il Paradosso del Giovane Sole Pallido?

una spessa nebbia simile a quella di Titano potrebbe aver coperto la Terra diversi miliardi di anni fa, proteggendo la vita appena emersa sul pianeta dai raggi UV che la danneggiavano. Credito: NASA/JPL/SSI

I modelli dell'evoluzione del Sole indicano che un tempo era il 30% meno luminoso, proprio durante l'inizio della Terra. Ma, in qualche modo la superficie della Terra era comunque rimasta abbastanza calda da far emergere la vita primordiale. Un nuovo studio, insieme ad uno sguardo attento alla luna di Saturno, Titano, hanno fornito importanti indizi riguardo a come il Sole potrebbe aver mantenuto comunque la giovane Terra abbastanza calda. Gli scienziati dicono che una spessa nebbia organica che avvolgeva la Terra diversi miliardi di anni fa potrebbe essere stata molto simile a quella che adesso copre Titano, e avrebbe protetto la vita sulla Terra dai danni dei raggi UV, mentre allo stesso tempo riscaldava il pianeta.
Continua a leggere...


Spirit: Prove del Passato Acquoso di Marte

Visto da vicino l'affioramento Comanche mostra sia una struttura granulare sia una stratificazione multipla. Gli scienziati pensano che si tratta di detriti vulcanici caduti sul terreno preesistente. Dopo la sua deposizione,la roccia fu immersa in acqua idrotermale ricca di minerali carbonati. Immagine in falsi colori Pancam. Credit: NASA/JPL/Cornell University.

Anche se il rover Spirit sta dormendo, un nuovo sguardo a vecchi dati raccolti da uno dei suoi strumenti conferma la presenza in grandi quantità di rocce ricche di carbonati, il che significa che queste regioni di Marte nel passato potrebbero aver contenuto tanta acqua in superficie. Il Miniature Thermal Emission Spectrometer(Mini-TES), ha analizzato la zona di rocce intorno a se, chiamata "Comanche", nel 2005, ma lo strumento fu parzialmente accecato dalla sabbia. Soltanto quando gli scienziati hanno sviluppato una speciale calibrazione per rimuovere gli effetti spettrali della sabbia sullo strumento, i dati spettrali hanno rivelato prove di rocce ricche in carbonati nella regione di bassi fondi del Cratere Gusev, su Marte.
Continua a leggere...