Ipotesi alternativa per l'origine della Luna

La detonazione sarebbe dovuta avvenire lungo il terminatore lunare, cioè la zona dove 'notte' e 'giorno' si incontrano. Credit: NASA
Secondo la teoria standard, l'origine della Luna è da attribuirsi ad un gigantesco impatto che la Terra ha subito da un altro pianeta agli inizi del sistema solare. Questo impatto avrebbe dato vita a due parti non uguali di materia, la parte più piccola sarebbe condensata poi per diventare la Luna. Ma non è sempre stata l'unica teoria, e tra le varie ipotesi, adesso c'è una in particolare che con alcune nuove ricerche scientifiche sta acquistando credibilità.
Continua a leggere...


Il fondale del cratere Tycho

Cratere Tycho vicino al Polo Sud della Luna. Credit: wikimedia
Il cratere Tycho è uno dei più imponenti crateri sulla Luna. Appare come un punto luminoso nell'emisfero sud , con lunghi bellissimi raggi , che si estendono in tutta l'aria intorno . La cosa che rende speciale Tycho , non è la sua grandezza , con appena 85 km di diametro , è solo uno tra migliaia di crateri di questa dimensione o più grandi. Quello che davvero lo rende speciale , è la sua relativamente giovane età. Si è formato abbastanza di recente che ancora si notano i suoi raggi , creati da materiale eiettato durante l'impatto.
Continua a leggere...


LRO svela alcune sorprese sulla Luna


Il Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO ) ci sta offrendo immagini della Luna come non l'abbiamo mai vista prima . Con un dettaglio maggiore a qualsiasi osservazione prima , che ci permette di avere una visione davvero nuova riguardo al nostro satellite, in modo tale da poter meglio preparare il nostro ritorno con missioni robotiche e umane nel prossimo futuro.
Mike Wargo , capo scienziato della NASA riguardo ai studi lunari , parlando martedi alla riunione del American Geophysical Union , ha dichiarato che " LRO , ci sta fornendo dati utili per il nostro ritorno sulla Luna , studiando e prendendo in considerazione un numero di siti diversi e di vitale interesse scientifico , con spesso tipologie di terreni diversissimi tra loro , per ampliare la possibilità di scelta dei futuri siti scientifici delle nostre esplorazioni."
Continua a leggere...