Le caverne di ghiaccio sono possibili su Marte

caverne su Marte, ghiaccio su Marte, Marte
Nuove ricerche suggeriscono che il ghiaccio potrebbe accumularsi nelle caverne marziane come queste qui sopra, osservate durante il 2007. Credit: NASA/JPL-Caltech/ASU/USGS

Nuovi risultati pubblicati nel giornale Icarus, suggeriscono che le caverne su Marte potrebbero essere per i futuri astronauti molto più che solo una copertura. In molti posti, anche molto lontani dai poli, le caverne potrebbero in realtà essere una grande fonte di ghiaccio d'acqua.
Continua a leggere...


Nuova Mappa Svela Antichi Laghi su Marte

La Hellas Planitia si estende per circa 50° in longitudine e più di 20° in latitudine.La mappa è dai dati del Mars Orbiter Laser Altimeter(MOLA)

E se l'enorme bacino Hellas su Marte fosse un tempo stato un gigantesco lago? Una nuova mappa geologica mostra prove di depositi sedimentari consistenti con l'idea della presenza di grandi masse d'acqua sopra. Affioramenti finemente stratificati intorno al margine del bacino Hellas sono stati interpretati come una serie di depositi sedimentari risultati dall'erosione e dal trasporto di materiali presenti più in alto in un bacino enorme di acqua. "Questa mappa rende le interpretazioni geologiche consistenti con i precedenti studi, e colloca questi laghi nel periodo iniziale del Noachiano, tra i 4.5 ed i 3.5 miliardi di anni fa." ha spiegato Leslie Bleamaster, scienziata e ricercatrice del Istituto per le Scienze Planetarie.
Continua a leggere...


Scoperta Aumenta la Probabilità di Vita Microbica su Marte

La sorgente Lost Hammer, sull'Isola Axel Heiberg in territorio Canadese,è il luogo della scoperta dei batteri. credito: Dipartimento di Scienze Naturali, Università McGill, Montreal

La scoperta di batteri mangia-metano in una regione molto speciale del nord estremo del Canada supporta la teoria dell'esistenza di simili organismi anche su Marte. I ricercatori hanno scoperto batteri che si nutrono di metano in una sorgente freddissima e ricca di metano che si trova in una piccola isola chiamata Axel Heiberg in Canada, e spiegano come questa sorgente è molto simile a quelle che potevano esistere in passato su Marte, o che potrebbero ancora esserci adesso in alcune regioni. Cosi arriva un altra prova della probabilità di trovare vita su Marte.
Continua a leggere...


Spirit: Prove del Passato Acquoso di Marte

Visto da vicino l'affioramento Comanche mostra sia una struttura granulare sia una stratificazione multipla. Gli scienziati pensano che si tratta di detriti vulcanici caduti sul terreno preesistente. Dopo la sua deposizione,la roccia fu immersa in acqua idrotermale ricca di minerali carbonati. Immagine in falsi colori Pancam. Credit: NASA/JPL/Cornell University.

Anche se il rover Spirit sta dormendo, un nuovo sguardo a vecchi dati raccolti da uno dei suoi strumenti conferma la presenza in grandi quantità di rocce ricche di carbonati, il che significa che queste regioni di Marte nel passato potrebbero aver contenuto tanta acqua in superficie. Il Miniature Thermal Emission Spectrometer(Mini-TES), ha analizzato la zona di rocce intorno a se, chiamata "Comanche", nel 2005, ma lo strumento fu parzialmente accecato dalla sabbia. Soltanto quando gli scienziati hanno sviluppato una speciale calibrazione per rimuovere gli effetti spettrali della sabbia sullo strumento, i dati spettrali hanno rivelato prove di rocce ricche in carbonati nella regione di bassi fondi del Cratere Gusev, su Marte.
Continua a leggere...


Risolto il mistero delle calotte polari di Marte

le origini delle spirali e del gigantesco canyon chiamato "Chasma Borale" nelle calotte polari marziane sono state a lungo un enorme mistero,ma adesso finalmente arriva una spiegazione

La strana forma delle calotte polari alte oltre 2 km e larghe quanto il Texas, che ricoprono il polo nord di Marte,è stato un grande mistero per ben 40 anni, ma nuovi risultati pubblicati su Nature il 27 maggio, hanno messo fine al mistero.
Continua a leggere...


Opportunity Continua il Viaggio verso il Cratere Endeavour


Nel ormai lontano Settembre 2008, Steve Squyres, a capo delle missioni rover attualmente su Marte, aveva annunciato che il rover Opportunity si sarebbe diretto verso un enorme, lontano cratere, chiamato Endeavour, e Squyres disse che sperava,un giorno di poter vedere la vista dal margine del cratere. Beh adesso Opportunity è riuscito intanto ad ottenere una foto con una buona vista del margine in questione. Nella foto qui sopra, in lontananza si vede il margine del cratere Endeavour, a circa 13 km di distanza, insieme al margine di un altro cratere ancora più distante, chiamato Iazu, e visibile in cima sulla destra.
Continua a leggere...


Canali Marziani Creati Da Sabbia e Diossido di Carbonio

Canali marziani osservati dal Mars Global Surveyor

Quando nel lontano 1999 il Mars Global Surveyor aveva osservato sulla superficie di Marte dei canali scavati nelle colline,tutti esaltarono convinti che fossero la prova dell'esistenza di acqua liquida sul pianeta rosso. Certo è un idea eccitante, ma che è piena di problemi. Una nuova teoria basata su prove in laboratorio dimostra come probabilmente è per via della sabbia che quei canali si sono venuti a formare.
Continua a leggere...


Non Esiste Alcun Ziggurat Su Marte !!


Circola su internet,sulla stampa e su diversi libri, la notizia che sia stata scoperto uno ziggurat su Marte.. Non fattevi ingannare, non esiste alcuna prova neanche lontanamente plausibile di una cosa del genere.E no, non sono tenute nascoste da malvagi astronomi in combutta con gli alieni, semplicemente non esistono.
Questo tipo di notizie sono un insulto a tutti gli astronomi e scienziati che si fanno in quattro per anni e anni cercando di capire davvero il nostro universo.
Se c'è una cospirazione a riguardo e quella dei editori che sanno che notizie del genere vendono tantissimo, e cosi scienziati improvvisati si mettono a scrivere libri su ipotesi fantascientifiche e cospirazioni oscure. Sono cose studiate apposta. Si tratta di un enorme mercato con grandissimi guadagni. C'è molta gente dietro che specula e crea notizie virali studiate apposta per anticipare un certo libro.
Continua a leggere...