Il Telescopio SKA Potrebbe Vedere l'Espansione dell'Universo in Diretta

Illustrazione della configurazione dei telescopi SKA nella zona centrale. Il nucleo sarà in Africa. Credit: SKA
Illustrazione della configurazione dei telescopi SKA nella zona centrale. Il nucleo sarà in Africa. Credit: SKA

Una volta completato, lo SKA (Square Kilometer Array) sarà il più grande e potente telescopio mai costruito! Gli scienziati sperano di mappare in un dettaglio senza precedenti buona parte dell'universo osservabile, e questo telescopio sarà così potente da permetterci persino di osservare direttamente l'espansione dello spazio-tempo nell'arco di un periodo di appena 12 anni. Questa è la missione dichiarata da Hans-Rainer Klockner dell'Istituto Max Planck per la Radioastronomia, in Germania, con diversi scienziati del Portogallo, dell'Australia e degli USA. Insieme hanno pubblicato una proposta in questo senso sulla rivista Proceedings of Science.
Continua a leggere...


L'India si Aggiunge Al Progetto per il Thirty Meter Telescope

Thirty Meter Telescope, Telescopio 30 metri, Mauna Kea, Hawaii, TMT, telescopio, India, Agenzia Spaziale Indiana, Hubble, Nuovi Telescopi
Concept di come sarà il Thirty Meter Telescope, una volta finito nel 2017/2018

Il Ministro per la Scienza e la Tecnologia in India, Prithviraj Chavan, ha annunciato oggi la decisione dell'India di entrare a far parte del progetto dedicato alla costruzione del Thirty Meter Telescope(TMT),come Osservatore. Il TMT sarà un osservatorio astronomico di nuova generazione, che avrà un'apertura dello specchio principale di 30 metri, e i cui occhi si apriranno nel 2018, alle Hawaii, in cima al Mauna Kea.
Continua a leggere...


HESS-II: Nuovi Telescopi per l'Universo a Raggi Gamma

Istallazione di specchi per i telescopi HESS-II
Istallazione di specchi per i telescopi HESS-II

HESS,uno dei rilevatori terrestri per raggi gamma migliori in assoluto, avrà presto un upgrade, con un quinto telescopio che doppierà il suo potenziale per effettuare nuove scoperte.
Il telescopio sarà equipaggiato con una camera progettata e costruita da scienziati francesi all'interno di un progetto più grande che coinvolge diversi laboratori del CNRS, come il IN2P3(Institut National de Physique Nucléaire et de Physique des Particules of CNRS),il INSU (Institut National des Sciences de l'Univers of CNRS) ed il CEA-Irfu (Institut de Recherche sur les Lois Fondamentales de l'Univers of CEA). La sensitività migliorata fornisce a questo nuovo occhio elettronico la possibilità di ottenere immagini 2 volte più nitide della camera attualmente istallata sul HESS.
Continua a leggere...


Pan-STARRS: Nuovo Telescopio per Cercare Comete, Asteroidi e Pianeti

Pan-STARRS, comete, asteroidi, impatti Terra
Pan-STARRS PS1 Observatory. Credito: Rob Ratkowski

Da oggi c'è un nuovo occhio nei cieli alla ricerca di asteroidi e comete "killer". Il primo Pan-STARRS(Panoramic Survey Telescope & Rapid Response System) chiamato PS1, è pienamente operativo, pronto a mappare grandi porzioni del cielo notturno. Sarà alla ricerca non solo di potenziali rocce spaziali, ma anche supernove e altri oggetti variabili.
Continua a leggere...


Large Binocular Telescope: Foto Già 3 Volte più Nitide del Hubble

Large Binocular Telescope, ottica adattiva, Hubble
Immagine dello specchio secondario mobile durante la sua istallazione nell'Arcetri Lab. L'immagine mostra 672 piccoli magneti sul retro dello specchio.La faccia riflessiva è a faccia in giù. La porzione superiore contiene i meccanismi elettro-meccanici che controllano i magneti. Credito: LBT

La nuova generazione di ottica adattiva è arrivata al Large Binocular Telescope in Arizona, fornendo agli astronomi un livello di nitidezza nelle immagini mai visto prima, che, usando soltanto uno dei due occhi del telescopio, batte già il telescopio spaziale Hubble 3 a 1. Lo sviluppo è stato possibile grazie alla collaborazione dell'Osservatorio Arcetri(in Italia), dell'Istituto Nazionale di Astrofisica(INAF) insieme all'Osservatorio Steward dell'Università dell'Arizona. Questa tecnologia rappresenta un significativo passo avanti per l'astronomia.

Continua a leggere...


Ecco TRAPPIST: Il nuovo Telescopio Caccia-Esopianeti

nebulosa tarantola, M83, TRAPPIST, ESO, La Silla, esopianeti
TRAPPIST vede la prima luce guardando la Nebulosa Tarantola. Credit: ESO

Un nuovissimo telescopio robotico, dedicato primariamente alla caccia di esopianeti ha aperto per la prima volta gli occhi. Anche se le prime immagini sono di una nebulosa, il TRAPPIST(TRAnsiting Planets and Planetesimals Small Telescope) dell'ESO(European Southern Observatory), presso l'osservatorio La Silla, in Cile, si concentrerà sul rilevamento e la caratterizzazione di pianeti che si trovano fuori dal nostro sistema solare. Il nuovo telescopio è pensano anche per lo studio di comete.
Continua a leggere...


Grande Passo Avanti Per Il Giant Magellan Telescope

Illustrazione artistica del Giant Magellan Telescope nel Deserto dell'Atacama. Credit: GMTO Corporation
Durante il meeting annuale di maggio, il Carnegie Institution for Science(una delle più grandi organizzazioni statunitensi per la ricerca scientifica), ha appoggiato con tanto entusiasmo il progetto di costruzione del Giant Magellan Telescope(GMT). Il GMT sarà il primo della nuova generazione di super-telescopi che guideranno la carica alle nuove conquiste scientifiche in campo astronomico. Il consiglio di amministrazione del Carnegie ha autorizzato il presidente Richard A. Meserve a stanziare 59.2 milioni di dollari, per la progettazione,costruzione e messa in funzione del telescopio, che si aggiungono ai 19.9 milioni di dollari già stanziati precedentemente dal Carnegie. Ad ora, più del 40% dei fondi necessari per la sua costruzione sono stati versati dalle varie Istituzioni e Fondazioni che fanno parte del progetto.
Continua a leggere...


Cresce il LBT: Il Telescopio Ottico più Grande al Mondo

Large Binocular Telescope

I partner del progetto, in Germania, USA, e Italia hanno orgogliosamente annunciato che la prima delle due nuove e innovative fotocamere/spettrografi in vicino-infrarosso per il LBT(Large Binocular Telescope) è stata finita ed è adesso disponibile per gli astronomi per le osservazioni scientifiche preso il telescopio sul Monte Graham nel sud est Arizona. Dopo oltre un decennio di progettazione,produzione e test, il nuovo strumento, chiamato LUCIFER 1, si offre come uno strumento potentissimo per osservare il nostro universo, dalla Via Lattea fino alle galassie più lontane. LUCIFER 1 è stato costruito da un consorzio di Istituti tedeschi, e sarà seguito da uno strumento identico gemello che verrà spedito al telescopio all'inizio del 2011.
Continua a leggere...


90% di Universo in più

GOODS South Field in prima vista grazie al Hubble Space Telescope. Credit: NASA/ESA
Uno dei grandi enigmi e problemi dei astronomi, è da sempre stato il fatto che i rilievi o mappature intraprese riguardo galassie distanti, mancano 90% dei loro bersagli. Nessuno sapeva di certo perché questo accadesse, ma ora dei astronomi hanno scoperto che una grossa parte delle galassie la cui luce ci ha messo 10 miliardi di anni per arrivare da noi, non erano mai state scoperte. Questo è stato scoperto grazie all'Indagine estremamente profonda condotta con l'ausilio i 4 telescopi giganti da 8.2 metri che compongono il Very Large Telescope(VLT) dell'ESO,con aggiunto un filtro costruito apposta.
Questa indagine ha anche contribuito a scoprire alcune delle più pallide galassie mai viste.
Continua a leggere...


Sarà forse il Cile la sede del E-ELT ?

Rappresentazione artistica dell'E-ELT (European Extremely Large Telescope) nella sua cupola sul Cerro Armazones, un picco di 3060 metri nel deserto di Atacama in Cile. L'E-ELT da 39,3 metri sarà il più grande telescopio ottico-infrarosso al mondo - il più grande occhio al mondo rivolto al cielo. Il telescopio dovrebbe essere operativo dall'inizio del prossimo decennio per affrontare alcune delle più grandi sfide scientifiche dei nostri tempi.  Crediti:  ESO/L. Calçada
Il posto ideale per un telescopio è un posto con pochissima luce, senza nuvole, molto asciutto e quanto più in alto possibile. Dove meglio che nello spazio allora? Ovviamente però lo spazio presenta altri limiti e problemi, e un telescopio spaziale è un impresa non da poco, specialmente se il telescopio che si ha in mente di costruire è estremamente grande, come nel caso del europeo, Extremely-Large Telescope, che avrà uno specchio di 42 metri. In questo caso, la scelta ricade su uno dei migliori posti in assoluto qui sulla superficie terrestre, per posizionare un telescopio: Il deserto di Atacama,nel Cile, a 3.5 km di altezza dal livello del mare, con un'atmosfera molto rarefatta,asciutta, e senza ombra di nuvole.
Continua a leggere...